Thursday, June 06, 2013

PARLANO DI MONS. ROMERO



La notizia che il Papa Francesco ha “sbloccato” la canonizzazione di Mons. Oscar A. Romero è stato analizzato da molti commentatori. Ecco quello che alcune voci importanti da dire.
Pat Marrin, del National Catholic Reporter, ha descritto l’importanza generale della notizia:
Con un nuovo papa, la natura sconvolgente della morte di Romero e le implicazioni scioccante del suo esempio hanno fatto la sua canonizzazione, ancora più rilevante per la Chiesa universale. Quello che i vescovi a Medellin chiamano “violenza istituzionalizzata” della povertà 45 anni fa, rimane la sorte di migliaia di milioni di persone in tutto il mondo, e questo solleva ancora la domanda che Francesco sta chiedendo: “Cammina la chiesa con i poveri?”
Bill Blair, del Republican American, ha fatto eco l’idea che la canonizzazione di Romero è in apparente sintonia con gli obiettivi del Papa Francesco.
Questo nuovo papa latinoamericano farebbe bene a molti livelli portando l’arcivescovo alla beatificazione ed eventuale canonizzazione. A livello personale, Francesco beneficerebbe di promuovere Romero perché aiuterebbe a tacere quei critici che hanno affermato Francesco rimase in silenzio pubblicamente durante la "guerra sporca" in Argentina 1976-1983.

Jorge Costadoat, S.I., ha riconosciuto le motivazioni contraddittorie dietro il “blocco” e “sblocco” della causa di canonizzazione.
Romero è stato la figura più controversa della Chiesa in America Latina. Forse aver "bloccato" l'avanzamento del processo di Romero è stato un atto di buone intenzioni. Perché no? Prudenza avrebbe sollecitato Papi precedenti, o qualche prefetto romano, che esaltare la figura di questo martire avrebbe causato grandi sconvolgimenti tra la Chiesa ei governi latino-americani, e all'interno della Chiesa. Che cosa fa il Papa Francesco cerca di guadagnare dalla riabilitare un uomo di divisione? Sbloccare la causa di Romero è un atto contrastante. Bloccare è anche stato. Dobbiamo credere che in questo o in quel caso non c’è stata mala condotta. Nessuno ci costringe a pensare male. Ma dobbiamo riconoscere che il conflitto è una realtà storica. E ciò che conta è, in ultima analisi, con chi sei e che cosa si lotta contro.
L’attivista sacerdote Erdozain Plazido focalizzata su intrighi percepito all’interno della Chiesa.
Dal momento che questo Papa ha stato nominato, ci sono stati alcuni segnali di cambiamento positivo, ma ho sempre creduto che le azioni parlano più delle parole.  Bene, di riaprire il processo Romero è un segnale importante. Era stato bloccato, anche se la Chiesa salvadoregna ha cercato di rivedere la sua vita, al fine di rendere più appetibile al Vaticano. La Chiesa salvadoregna messo mons. Delgado (Jesus Delgado), a capo della sua causa di canonizzazione. Egli è convinto che noi, le comunità cristiane di base, sono i nemici di Mons. Romero. Personalmente, non mi interessa se lo canonizza. Una canzone [popolare] dice che il modo di fare Monseñor santo è seguendo il suo cammino. L’idea di fare i santi per poterli archiviare non mi piacciono molto, ma è un buon segno di cambiamento ... Si tratta di una rottura con lo schema che hanno mantenuto i due papi precedenti, e anceh alla Chiesa salvadoregna, perché hanno promosso facendo di lui un santo, ma tutto quello che hai scritto su di monsignor Romero è solo quello di spiritualizzare, ma non nel vero senso della parola, impregnando l’ spirito di Cristo, ma farlo spiritualista.
Julian Filochowski, della britanica Romero Trust ha cercato di conciliare i punti di vista opposti.
[Romero e]ra assolutamente ortodosso e assolutamente radicale ... Romero era un uomo profondamente spirituale con una ricca vita di preghiera, il suo esempio per noi è la bella e trasparente sintesi che ha fatto, di vivere e testimoniare la fede e promuovere la pace con la giustizia.
Jon Sobrino, S.I., della Università Centroamericana di San Salvador, si augura la canonizzazione sarebbe armonizzare le contraddizioni, invece di imporre il punto di vista ufficiale.
Non sappiamo cosa verrà detto nel decreto di beatificazione e canonizzazione. Vorremmo, in aggiunta a quello che si vede su Monseñor dalla Roma universale, che il decreto include anche le cose importanti su Monseñor che vediamo da qui. Speriamo che presenterà Mons. Romero, il santo tradizionale e il santo salvadoregno, come abbiamo cercato di descriverlo.
L’editorialista David Gibson ha proposto un modo per diffondere le tensioni apparenti.
Abbinare le canonizzazioni di Giovanni Paolo e Romero è uno scenario che può suscitare meraviglia, ma l’idea non è senza precedenti nella politica dei santi. Abbinare le canonizzazioni del santo patrono della teologia della liberazione, con il Papa che ha cercato di sopprimere sarebbe non convenzionale, ma forse non per Francesco, che già si è dimostrato di essere il più anticonvenzionale di papi con una serie di priorità tutto suo.
Continueremo a monitorare questa discussione, ma, in questo frangente, queste osservazioni suggeriscono che il disaccordo sull'opportunità o meno di canonizzare Mons. Romero ha molto a che fare con dibattiti interni della Chiesa, come con l'arcivescovo Romero stesso.
Post a Comment