Monday, June 03, 2013

PROSPETTIVE DI BEATIFICAZIONE




Quando mons. Jesús Delgado della Fondazione Romero, si è incontrato con il cardinale Jorge Mario Bergoglio nel maggio 2010, la causa di beatificazione di Mons. Oscar Romero sembrava essere in terapia intensiva.  Delgado ha ricordato Bergoglio che l’ora arcivescovo di Buenos Aires aveva detto tre anni prima che se fosse Papa, la prima cosa che vorrei fare è ordinare la beatificazione di Mons. Romero.  Bergoglio ha risposto: “Lo ricordo, il problema è che non potrò mai arrivare a essere papa. Io sono troppo vecchio per questo”. Cinque anni prima, Bergoglio aveva finito secondo nel conclave che ha eletto Benedetto XVI, che ha fatto una raffica di dichiarazioni positive sul Mons. Romero nel 2007-2008, ma poi cadde in silenzio sulla causa, concentrandosi la sua energia nella identità cristiana dell’Europa e in diversi scandali nella Chiesa.

Tre brevi anni più tardi, il card. Bergoglio è Papa, e la causa di beatificazione di Mons. Romero va avanti. Il vaticanista John Allen, Jr. ha pubblicato un’analisi nel 2011, che elenca cinque fattori che caratterizzano le cause di beatificazione, che hanno progredito nella “fast track” e Allen hanno concluso che la causa di Romero è stato esclusa dalla lista, al momento.  Ma se si pratica oggi l’analisi, è chiaro che la causa di Romero ora è conforme agli elementi.  Cause di fast track, Allen ha analizzato, “hanno un’organizzazione alle spalle pienamente impegnata per la causa, sia con le risorse e il buon senso politico per muovere la palla avanti”.  La beatificazione di Romero ha il sostegno della Comunità di Sant’Egidio, un movimento della chiesa con connessioni politiche e di influenza, e il suo consigliere spirituale, monsignor Vincenzo Paglia, è il Postulatore della causa. In secondo luogo, “i casi fast track comprendono una ‘prima’, di solito a riconoscere una specifica regione geografica o di un gruppo sotto-rappresentato”. Romero puo essere il primo santo di El Salvador, e il governo di El Salvador sta esercitando forti pressioni per la sua beatificazione.

In terzo luogo, Allen ha detto, le cause rapide, implicano “una questione politica o culturale simboleggiato da questi candidati che conferisce un percepito senso di urgenza”.  Questo è dove il contrasto tra la causa oggi e quello che era qualche anno fa, è più evidente. Come icona della ‘Chiesa dei poveri’, “Romero è il simbolo della Chiesa che papa Bergoglio vuole proiettata nelle periferie geografiche ed esistenziali”, il cardinale Andrea Cordero Lanza di Montezemolo ha detto «La Stampa». In quarto luogo, le cause rapide tendono ad essere quelli per i quali “il Papa del giorno sente un investimento personale”. Secondo il cardinale Achille Silvestrini, “tra il magistero di papa Bergoglio e la testimonianza di fede offerta da Romero fino all’estremo sacrificio vi è un ‘idem sentire’ favorito dalla comune provenienza da una Chiesa come quella latinoamericana che ha sofferto e soffre ancora per mantenere la sua fedeltà al messaggio di Cristo”. Quinto, Allen ha scritto, “i casi accelerate in genere godono di sostegno gerarchico opprimente”.  «LaStampa» ha osservato che la figura di Romero è in aumento in Vaticano, sottolineando l’attenzione che la causa riceve dalla Radio Vaticana e L’Osservatore Romano (che ha presentato Romero questo fine settimana sulla copertina di sezione sulle donne, prima volta che un uomo ha stato cosi presentato).

Il Presidente di El Salvador, Mauricio Funes, ha riferito che quando ha incontrato Papa Francesco su Romero, il Pontefice non ha indicato se la beatificazione sarebbe “nei prossimi giorni o nei prossimi mesi”, ma lui ha detto che sarebbe essere “il più presto possibile”. Il suddetto signor Allen ha detto alla National Public Radio che sarebbe ora probabilmente “mesi, non anni” fino a quando la beatificazione di Romero sia formalmente annunciata dal Vaticano. Julian Filochowski, della Romero Trust, ipotizzato che, “Forse 2014 sarà l’anno di Romero come arcivescovo Paglia sembra anticipare”.  Sulla base delle dichiarazioni pubbliche di funzionari della Chiesa, e sui modelli di attività della Congregazione per le Cause dei Santi (numero di decreti emessi e dei tempi del loro annuncio) per gli ultimi 8 anni, così come sui sentieri di numerosi recenti “cause rapide” (tra cui Beato Giuseppe Puglisi, il cui argomento di martirio si seguirà nel caso Romero), Super Martyrio pensa che un annuncio per la beatificazione di Mons. Romero è possibile a dicembre di quest’anno. Ciò richiederebbe che il decreto essere preparato nei sei mesi tra l’annuncio che la causa ha stato “sbloccata” nel aprile 2013 fino alla riunione di ottobre della CCS. Questo tempismo sarebbe simile a ciò che è stato realizzato nei beatificazioni di Madre Teresa, Padre Pio e-più recentemente-Don Pino Puglisi.

In un certo senso, il sollevamento di carichi pesanti è fatto. Un anno fa, «La Stampa» chiamava la beatificazione Romero “la causa perduta”. Oggi, si dice che è un fait accompli.  Per Óscar Romero di San Salvador, la risurrezione già ha venuto.
Post a Comment