Tuesday, July 05, 2016

Io Sto Con Papa Francesco


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

 




In i classici Racconti di Canterbury di Chaucer, le conversazioni di un gruppo di pellegrini che viaggiano insieme per venerare le reliquie del martire San Tommaso Becket sono al centro. Allo stesso modo, dopo un pellegrinaggio alla cattedrale di LosAngeles per venerare le reliquie dei tre martiri e un santo missionario, le conversazioni condivise con gli altri pellegrini hanno garantito un’ulteriore riflessione per me. Oggi, voglio scrivere su un particolare argomento delle conversazione dal pellegrinaggio: la violenza di cattolici contro cattolici. E nel processo, voglio esprimere il mio sostegno per il Papa Francesco.

Durante l’omelia per la presentazione dei reliquie, l’Arcivescovo Jose H. Gomez ha sottolineato che tutti e quattro santi—SS. Tommaso More, Giovanni Fisher, Junipero Serra e il beato Oscar Romero—“hanno avuto problemi con le autorità dove hanno vissuto. Tutti!” Per i tre martiri, le somiglianze vanno al di là di questo. Non solo hanno avuto problemi con le autorità del governo del loro tempo, ma queste ultime sono state distintamente cattolici.

Nel caso di Romero, Papa Francesco ha riconosciuto che il martire “fu diffamato, calunniato, infangato, ossia il suo martirio continuò persino da parte dei suoi fratelli nel sacerdozio e nell’episcopato”. Anche alla vigilia della beatificazione di Romero, un cardinale di Madrid li fatto pressioni l’episcopato spagnolo per boicottare la cerimonia. In effetti, il fatto che Romero è stato assassinato in un paese di maggioranza cattolico, dai cattolici battezzati, è stato spesso raffigurato come un ostacolo per la sua beatificazione. “Un martire viene ucciso da gente che non sono cristiani”, ha spiegato il vescovo Gregorio Rosa Chávez, un sostenitore Romero, nella televisione cattolica salvadoregna. “Ma in questo caso, gli assassini sono persone battezzati, persone che dovrebbero pregare e andare in chiesa. Come si spiega come questo può essere un rifiuto di Cristo e della sua dottrina?

Contrariamente alla supposizione comune, Romero non è l’unico martiri cristiani in tale circostanza. SS. Tommaso More e Giovanni Fisher, i santi inglesi le cui reliquie furono esposti insieme a Romero, sono stati messi a morte dal re Enrico VIII dopo aver rifiutato di riconoscere la Chiesa stabilita nella sua rottura da Roma nel corso del 16 ° secolo. Tuttavia, la rottura di Enrico era a causa di un disaccordo su un divorzio che il re voleva ottenere e che il Papa non avrebbe autorizzato. Enrico era altrimenti un devoto cattolico, che aveva scritto una fortissima storta a Martin Lutero, e in tal modo ottenuto il titolo di “Difensore della Fede” da Roma. Dopo la sua rottura formale con il Papa, la Chiesa di Enrico ha mantenuto la sua dottrina cattolica.

La contraddizione sul come un “difensore della fede” può esibire “odio alla fede” (un requisito di martirio che le esecuzioni dei SS. Tommaso e Giovanni hanno soddisfatto) è stato un grande argomento nella conversazione tra nostri pellegrini. L’apparente paradosso mi ha fatto pensare di come molti cattolici oggi sono pronti a condannare gli altri cattolici, anche ripetendo la pretesa di Enrico di presumere di sapere meglio che il papa. Mi ha fatto pensare di dissidenti che accusano Papa Francesco di diffondere confusione ed errori sulla fede. Mi ha anche ricordato che San Tommaso d’Aquino ha definito l’orgoglio come “una specie di disprezzo di Dio e di coloro che portano il suo incarico”.

Sentiamo molte voci cattoliche così disposti a denunciare i cattolici, anche i vescovi—anche il Papa!—per essere presumibilmente in qualche modo carenti nella loro fede, ma queste voci non sono autorizzati; non è la loro competenza di rendere tali giudizi. L’orgoglio può costituire un grave reato ogni volta che l’arroganza è l’occasione di grande danno ad un altro intraprendendo funzioni per le quali la persona manca la conoscenza o l’autorità necessaria. Romero ha messo in guardia contro tale oltrepassare. Si può pregare per i sacerdoti erranti, si può parlare i punti di dissenso direttamente con loro, o anche riferire alle autorità ecclesiastiche competenti. Oltre a ciò, tu non sei la Congregazione per la Dottrina della Fede. “Nessuno a parte la gerarchia ha il diritto di dire se questo prete predica o non predica il Vangelo,” ammonì Romero (omelia del 29 maggio 1977).

Il mese scorso, la tradizionalista Fraternità San Pio X ha rilasciato una dichiarazione che accusa Papa Francesco di diffondere confusione ed errori sulla fede. “La Fraternità San Pio X prega e fa penitenza perché il Papa abbia la forza di proclamare integralmente la Fede e la Morale,” riferisce la dichiarazione. La dichiarazione ha fatto eco, ed è stato applaudita, dai commentatori cattolici conservatori. Il prete blogger Rev. John Zuhlsdorf annotato la frase sopra citata con il suo commento: “Sento un ‘Amen!’?

Fortunatamente, ci sono anche voci che si alzano per difendere e sostenere il Papa. Recentemente, il “curas villeros” (preti delle baraccopoli) di Buenos Aires insieme ad una associazione laicale chiamata “Generacion Francisco”, hanno rilasciato una dichiarazione difendendo Francesco contro un “brutale campagna contro di lui con attacchi di ogni genere.” Il Vescovo Argentino Oscar Ojea anche emesso una lettera lamentandosi degli sforzi per “oscurare il messaggio evangelico e profetico [del papa],” con “opinioni devianti, ipotesi e informazioni non verificate.”

Alla luce di questi sviluppi, io getterò la mia sorte fermamente dalla parte della comunione con Pietro. Potrei aggiungere che questo va ben al di là di una certa fedeltà con Papa Francesco e si estende fino al ministero petrino come ben compreso in un quadro di fratellanza cristiana.

In caso contrario, fintanto che continuiamo a cedere all’orgoglio peccaminoso, il pericolo dei cattolici martirizzati dai fratelli cattolici rimarrà un pericolo sempre presente.

Post a Comment