Friday, July 22, 2016

La costola del Beato Romero



BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015

Romero al Policlinico; Don Gaspar con P. Sobrino e la reliquia.

Una delle più notevole reliquie del Beato Oscar A. Romero è stato collocata nella piccola casa dove Romero ha vissuto nel campus dell’Ospedale Divina Provvidenza a San Salvador. La curatore britannica Janet Graffius racconta il processo nell’ultima edizione di Romero News, la newsletter del Romero Trust di Londra. La reliquia, dice Graffius, è “un sinistro ricordo del sacrificio di Romero; un pezzo della sua costola, rimosso al post mortem e affidato al fratello minore di Monseñor, Don Gaspar Romero”.
Per contestualizzare la reliquia, è necessario tornare al momento in cui la reliquia è stato raccolta. Romero era stato inizialmente ammesso al Policlinico Salvadoregno per cercare di salvare la sua vita, ma alla fine è stata eseguita un’autopsia dopo gli sforzi per salvarlo hanno diventato inutile. Mentre la notizia dell’omicidio si diffuse in tutta la città, la gente hanno iniziato ad arrivare in ospedale, tra cui, i fratelli di Romero Tiberio, Mamerto, e Gaspar, e la sorella Zaida. “Quando sono arrivato, non volevano farmi entrare, ma li ho detto chi ero”, Gaspar Romero ha ricordato in un’intervista. “Circa 10 di sera, tutti i miei parenti sono venuti a, e ho passato tutta la notte lì”.
Zaida Romero ha raccontato il dramma pietoso prima di morire a pochi anni fa:
Alla porta del policlinico mi sono imbattuto con la mia nuora. Lei dice, "Donna Zaida, Donna Zaidal", e tutti quelli che erano con lei mi hanno abbracciato. "Calmata, calmata, si dovrebbe ricordare ciò che li ho detto". Non volevano lasciarmi entrare nella sua stanza. "Entrerò", dissi, "perché sono stato al suo fianco per 26 anni". [Dopo sono entrata] ho baciato la sua fronte e poi non so perché ho stretto i suoi piedi. I suoi piedi erano già freddi, freddi. Che brutta cosa.
Gaspar Romero e suo fratello Mamerto, anche morto, rimasti accanto dal corpo per ciò che sarebbe seguito. “Ho visto quando hanno aperto il lato sinistro del petto per estrarre i frammenti spezzettati del proiettile”, ricorda Gaspar Romero. La vedova di Mamerto ricorda come alla fine il fratello vividamente ricordato l’schegge nella carne e nei tessuti del torace. “Diceva tutto il tempo, è stato come granelli di sabbia e mai poteva dimenticarlo”, dice Tinita, vedova di Mamerto.
Roberto Cuellar, membro del ufficio di assistenza legale arcidiocesano, è stato anche accanto al martire alla necroscopia. “La cosa più impressionante del’autopsia”, ricorda Cuellar, “è stato vedere come hanno rotto lo sterno, perché quelli erano metodi rudimentali senza seghe meccanizzati e strumenti elettrici che vengono utilizzati oggi. Con Romero, hanno dovuto usare una sorta di scalpello. Tap, tap, tap !, per rompere l’osso”, afferma Cuellar martellando l’aria. Secondo il rapporto dell’autopsia, “Il proiettile penetrato fino al cuore e ha seguito un percorso trasversale, infine, fermandosi alla quinta costola dorsale”.
Dopo la procedura, la scena è diventata una sorta di caccia al tesoro in cui ognuno ha cercato di prendere qualche ricordo—o reliquia—di quel momento terribile, ma storico: una fiala di sangue di Romero che i medici avevano raccolto; lenzuola macchiati di sangue che le suore poi modellato in scapolari da distribuire ai fedeli; pezzi del proiettile; un fazzoletto usato per asciugare il sangue dal corpo di Romero ... anche la sua croce pettorale.
Quando un giornalista stava uscendo con il pezzo di costola estratto dal petto del martire, Gaspar Romero lo fermò e lo ha costretto a dargli la preziosa reliquia. Egli ha mantenuto la reliquia questi trentacinque anni. In quel tempo, “l’osso si era deteriorato in una massa di polvere sbriciolato”, dice la curatore Graffius.
Sotto il mio consiglio, Don Gaspar ha permesso  di asciugarsi l’osso, e ho diviso in due piccoli reliquiari di cristallo”, dice Graffius. “Uno è stato mantenuto dalla famiglia di don Gaspar, l’altro lui ha generosamente donato alle suore presso l’Ospedale della Divina Provvidenza”, il luogo dove Romero aveva vissuto negli ultimi tre anni, e dove ha dato la sua vita in quel fatidico 24 marzo 1980.
Il processo è stato completamente registrato, firmato e approvato da un avvocato canonico, e il reliquiario è stato consegnato alle suore nel novembre 2015. È stata una giornata profondamente emozionale per tutti noi”, dice Graffius. “Le suore avevano creato uno spazio per la reliquia, inserito sul pavimento nella stanza che fungeva da suo ufficio, camera da letto e spazio privato per la preghiera. Una tegola di vetro sigillato la reliquia, illuminata da discreti luci di conservazione LED”.
P. Jon Sobrino ha celebrato la Messa che ha formalizzato il passaggio di consegne.


Di Più: Reliquie di Romero

Post a Comment