Tuesday, February 03, 2015

Infine, rapida approvazione per Romero



La chiusura del processo diocesano (1996). Ufficio canonizzazione di San Salvador.


English | español

Papa Francesco ha approvato il decreto che Mons. Oscar A. Romero è un martire, confermando una precedente decisione il mese scorso da un gruppo di teologi.  Il decreto è arrivato alla stessa data—il 3 febbraio—in cui è stato nominato Arcivescovo di San Salvador nel 1977.  [Il significato di Romero]

La decisione del papa viene il stesso giorno in cui una commissione di cardinali ha dato il suo voto.  Il voto dei cardinali, come i teologi precedentemente, è stato unanime, secondo l'arcivescovo Vincenzo Paglia, il postulatore della causa. Il decreto sarebbe stato dato al Papa il Giovedi, ma lui ha chiesto di ricevere al più presto.  Il voto dei cardinali segna una improvvisa accelerazione per la causa Romero, dato che i cardinali normalmente ratificano voti di teologi alcuni mesi dopo il voto dei teologi. Vale a dire: detto lasso di tempo era di cinque mesi nel caso di san Giovanni Paolo II; sei mesi nel caso San Josemaría Escrivá fondatore dell'Opus Dei; ed undici mesi per Beato Jerzy Popieluszko, martire polacco beatificato via pista veloce a solo 22 anni dopo la sua morte per mano del regime comunista. Al contrario, l'attesa è stata meno di un mese per Mons. Romero-il piu brevissimo di tutti i casi studiati da Super martyrio. Non così per il processo che è andato prima.

Super martyrio ha appreso i dettagli della causa che corroborano la leggenda di una causa di beatificazione bloccata dalle autorità vaticane per sospetto di irregolarità dottrinali e strumentalizzazione ideologica della sinistra. Ma, secondo le informazioni, la leggenda è sbagliato quando si suppone che Papi Giovanni Paolo II e Benedetto XVI hanno “bloccato” la causa; infatti, gli ostacoli provenivano dalla Curia vaticana, e Papa Wojtyla, in particolare, ha dato il suo sostegno per contrastare la loro opposizione, mentre Benedetto rimase neutrale quando era parte della Curia ed è stato ben disposto come Papa. Anche se alcune parti del racconto erano già in onda, drammatici nuovi dettagli illustrano la deviazione e ostruzione quasi totale di questa causa.

Iniziata ufficialmente nel 1994, la causa del primo santo salvadoregno è dipeso interamente sul ruolo di altri giocatori. Anche dal punto di vista economico: secondo il presule salvadoregno mons. Jesus Delgado, “la Chiesa che soggiorna in El Salvador non ha speso un centesimo per coprire i costi” della causa. Scrivendo sul settimanale diocesano Orientación lo scorso 25 gennaio, Delgado ha rivelato che, “è la comunità di Sant'Egidio di Roma, che ha assunto non solo il lavoro necessario per il perseguimento della causa di beatificazione di Mons. Romero, ma anche i costi dello stesso”.

Dopo essere stato stabilita dalla Chiesa salvadoregna, la causa ha trascorso la maggior parte della sua esistenza in uno stato di paralisi burocratica: 15 dei 21 anni dalla sua istituzione, sono stati spesi in una “Dilata” dettata dalla Congregazione per la Dottrina della Fede nel 1998, che è stato ufficialmente sollevata fino ad aprile 2013. Durante questo periodo, è stato sottoposto a tre test intensivi al di fuori del percorso normale per una causa. In primo luogo, 1998-2004, le omelie di Romero sono stati sottoposti ad uno studio approfondito, con l'accusa di deviazione dall'ortodossia. In secondo luogo, anche dopo essere stato assolto di errori dottrinali, Romero è stato sottoposto ad una analisi del rapporto tra la fede e l'azione pastorale. Più di recente, le autorità vaticane hanno segnalato riserve di carattere “prudenziale”, come viene spiegato di Papa Francesco l'agosto scorso.

In realtà, i nemici di monsignor Romero hano colpito prima ancora che la sua causa è stata formalmente presentata. Nel 1993, l'anno prima dell'inizio della causa, hanno presentato obiezioni alla Segreteria di Stato del Vaticano, sollevando preoccupazioni circa Romero. (Che le obiezioni sono state presentate a questo corpo suggerisce che venivano da alti livelli.) L'argomento livellate per sconfiggere la causa, esposti in precedenza in questo blog, è che l'arcivescovo Romero era un santo ingenuo, che possedeva virtù spirituali, ma anche soffriva di debolezze psicologiche che lo hanno reso manipolabili da un “cadre” di sacerdoti estremisti, che lo hano interpretato come un burattino, inserendo parole rivoluzionarie nei suoi sermoni.

La credenza popolare che il Papa Giovanni Paolo II ha cercato di bloccare la causa è confutata. Infatti, quando coloro che si opponevano a beatificare Romero lanciato il loro primo attacco, il Papa polacco aveva già fatto la sua mossa. Già nel 1983, dopo aver visitato la tomba di Romero, Giovanni Paolo aveva dato la sua “approvazione totale” per l'avvio di un processo di beatificazione, secondo monsignor Delgado, che ha chiesto il permesso del Pontefice, a nome della Chiesa locale nel marzo dello stesso anno. Giovanni Paolo anche consigliato la Chiesa salvadoregna circa il momento giusto per iniziare il caso. In La fabbrica dei santi (1991), Kenneth Woodward rivela che Giovanni Paolo ha chiesto alla Chiesa salvadoregna non iniziare il processo fino a un momento in cui potevano essere sicuri di avere una accoglienza positiva in Vaticano. Woodward, p. 45 (edizione inglese).

Tuttavia, i nemici di Romero hano trovato alleati di alto rango degli cardinali colombiani Alfonso López Trujillo e Dario Castrillon Hoyos. Il primo, López Trujillo, ha sollevato obiezioni circa la vicinanza presunta tra Romero e il gesuita Jon Sobrino. “Le storie di Lopez Trujillo e p. Ellacuría—e in particolare Mons. Romero e mi—sono infinite”, ha scritto Sobrino nel 2007. “So bene che la mia eventuale influenza sui suoi scritti e omelie è stato un problema per la sua canonizzazione in Vaticano”, ha detto Sobrino. “Ho scritto un testo di circa 20 pagine su di esso. E ho firmato”.

In realtà, Super martyrio ha appreso che nel mese di aprile 1997, la Congregazione per il Clero—guidato da Castrillón Hoyos—rilanciato l'ipotesi di manipolazione prima presentata nel 1993, con Jon Sobrino come bersaglio di accuse di aver controllato Romero, per fermare la beatificazione. L'anno successivo, la possibile beatificazione del martire salvadoregno è stata formalmente deragliata quando il file è stato trasferito dalla Congregazione per le cause dei Santi alla Congregazione per la Dottrina della Fede, il corpo della chiesa che aveva condotto la campagna contro la Teologia della Liberazione in precedente anni. Nel marzo 1998, il CDF ha ordinato il congelamento della causa di beatificazione fino alla conclusione di un'analisi esaustivo di tutte le omelie di Romero alla ricerca di difetti dottrinali presumibilmente basato sulla sospetta manipolazione e l'influenza di Sobrino.

Quando Papa Giovanni Paolo II è inserito il nome di Romero in un elenco di “testimoni della fede” del secolo XX di essere onorato al Colosseo a Roma durante il Giubileo del 2000, Romero è stato indagato con l'accusa di possibile eresia o di almeno influenza marxista. “Ricordati, Padre dei poveri e degli emarginati, di quanti hanno testimoniato la vita”, ha detto la preghiera sollevata quel 7 maggio 2000: “pastori zelanti, come l’indimenticabile arcivescovo Oscar Romero, ucciso all’altare durante la celebrazione del sacrificio eucaristico”. Il Papa malato è entrato il nome di Romero nella lista di suo pugno.

Tuttavia, sarebbe più di quattro anni, fino a concludere la indagine del CDF sulle omelie di Romero. Anche non stato trovato alcun errore dottrinale, gli avvocati del diavolo non si arrendono e subito insistito su una seconda indagine dell’azione pastorale di Romero, che è stato ordinato nel novembre 2004. Incoraggiato dal accertamento di nessun errore dottrinale, il postulatore della causa, monsignor Vincenzo Paglia , a quanto pare ha cercato di forzare un voto nella Congregazione dei Santi, nel 2005, l'anno del 25 ° anniversario della morte di Romero. Paglia ha detto John Allen che si aspettava una “buona notizia entro un mese”, nel settembre dello stesso anno. Tuttavia, Paglia ha perso un grande alleato con la morte di Papa Giovanni Paolo II, e un anno dopo le autorità svelato in dichiarazioni pubbliche che la causa procedeva lentamente. Nel 2006, il Vaticano ha emesso un decreto fortemente criticando il lavoro di Sobrino.

Nonostante l'impasse, i dubbi circa Romero furono gradualmente dissipando. In una conferenza stampa a maggio del 2007, Papa Benedetto ha detto che lui non dubitava che Romero meritava beatificazione, e nel febbraio 2008, ha detto in un discorso ai vescovi salvadoregni che Romero è stato un “pastore pieno di amore di Dio”, che aveva promosso l'evangelizzazione di El Salvador. Ma anche queste dichiarazioni incoraggianti riflettevano vestigia dell'ipotesi di manipolazione, in quanto si era supposto che Romero aveva esposto santità personale, ma che la sua virtù personale è stato viziato da un cosiddetto sfruttamento. Nei suoi commenti alla stampa, Benedetto ha sottolineato che “il problema” era stata che “una parte politica voleva prenderlo per sé come bandiera, come figura emblematica, ingiustamente. Come mettere in luce nel modo giusto la sua figura, riparandola da questi tentativi di strumentalizzazione? Questo è il problema”, ha detto.

Dopo aver ricordato Romero in tre discorsi pubblici tra il 2007 e il 2008, Benedetto non pronuncia il suo nome di nuovo in pubblico per il resto del suo pontificato. Tre anni dopo, nell'aprile 2011, il CDF si pronuncia: lo sfruttamento sollevato da Benedetto rimasta irrisolto. La “Dilata” ordinata nel 1998 sarebbe rimasta al suo posto. Tuttavia, le cause della sospensione sono stati erodendo. Inizialmente, la preoccupazione era stato errore dottrinale. Non trovandolo, le azioni di Romero sono stati perlustrati per difetti pastorali. Ora, le uniche preoccupazioni rimanenti erano possibili manipolazioni e alcune ambiguità. D'altronde, sulla colonna opposta, Romero aveva raggiunto un profilo internazionale superiore rispetto ad altri servi di Dio nel processo di beatificazione.

Nel 2012, l'anno prima della sua storica dimissioni, Benedetto XVI ha detto mons. Paglia e l'arcivescovo Gerhard Ludwig Müller, la nuova autorità al CDF, che era giunto il momento di sollevare la “Dilata” e lasciare la causa correre lungo un percorso normale. La decisione è stata formalizzata di Papa Francesco nel mese di aprile 2013. Da allora, mons. Paglia riprende il lavoro che era stato arrestato nel 1998, della stesura della Positio Super Martyrio, il compendio per presentare alla Congregazione per le cause dei Santi. Dopo aver presentato nel novembre 2014, è stato solo due mesi prima che un gruppo di nove teologi votato all'unanimità che Romero è stato un martire, come la Chiesa salvadoregna originariamente proposto 21 anni fa.


Il giorno il Papa ha approvato il decreto che attesta il martirio di Romero, la Chiesa salvadoregna ha annunciato che tutte le campane delle chiese in tutto il paese si sbucciarano alle 06:00 per festeggiare la notizia. La data della beatificazione è in corso di elaborazione, ma il luogo sarà a San Salvador, al monumento Divin Salvatore, guidata dal Cardinale Amato della Congregazione per le Cause dei Santi.  Mons. Delgado è a Roma per lavorare con le autorità vaticane in una data. L’arcivescovo Paglia ha fissato una conferenza stampa per Mercoledì. Super Martyrio continuerà a monitorare e riferire sui dettagli.
Post a Comment