Sunday, May 22, 2016

Vindication e un segno nel cielo alla beatificazione Romero



BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015


Mons. Jose Luis Escobar Alas non voleva che la beatificazione di Mons. Oscar Romero diventasse un tragico olocausto così come il suo funerale nel 1980, in cui 44 fedeli sono stati morti in disordini e la stampede che hanno innescato. “È vero che gli organizzatori eravamo molto preoccupati per la sicurezza delle persone che avrebbero partecipato in maniera massiccia all’evento perché purtroppo stiamo vivendo una situazione di grande violenza sociale”, l’Arcivescovo di San Salvador confessa Super Martyrio. “Tuttavia devo dire che tutta la celebrazione si è svolta nel migliore dei modi, con tanto rispetto, uno spirito di collaborazione, con grande umiltà e, soprattutto, con molta fede”.

Mons. Escobar Alas alla beatificazione.
Lontano dallo scenario apocalittico del ‘80, la cerimonia di beatificazione il 23 maggio 2015 è stato un trionfo spettacolare di gioia, che letteralmente ha invaso e ha vinto la realtà salvadoregna per un breve weekend. “I vescovi che abbiamo accompagnato il Cardinale [Angelo] Amato, dal sito della Presidenza della cerimonia, abbiamo visto una stampa meravigliosa come non abbiamo visto mai prima”, dice l’Arcivescovo, “il popolo di Monsignor Romero si è riunito da centinaia di migliaia di persone—più di 400.000 persone, secondo la nostra stima—accompagnato da suo Santo, per vivere con grande gioia e grande spiritualità la beatificazione del loro Vescovo, Pastore e Padre”.
Il teatro dell’azione era vasto—le aree e strade colpite hanno coperto un’area delle dimensioni di Central Park a New York. Sabato mattina presto, la navigazione nelle zone circostanti era qualcosa come guidare sulla Striscia di Gaza—i piloti hanno dovuto cedere le loro licenze per entrare nell’area. Gli approcci alla Piazza Salvatore del Mondo assomigliavano un caos organizzato, con diverse file per passare attraverso i punti di controlli di ingresso nella zona. Comitive di studenti in uniforme, gruppi di suore, Boy Scouts, e il suono delle lingue straniere, si sono uniti all’emozione vivace di quel giorno.
Emerson Didier Paez Martinez ha trascorso la notte in Piazza Salvatore del Mondo con 90 giovani e alcuni genitori del Complesso Educativo Cattolico “San Francisco”. Erano arrivati ​​alle quattro Venerdì pomeriggio, e hanno resistito piogge torrenziali, il freddo della notte, la fame e la sete, per incontrare l’alba in una posizione privilegiata nei pressi del palco. Stavano per essere evacuati dalle loro posizioni in prima fila dietro i ospiti speciali per permettere ingressi VIP a “Ground Zero”, ma una religiosa ha intervenuto per loro. “Ho solo pensato che Mons. Romero aveva mandato un angelo ad avvocare per noi, quando ha cominciato la solenne cerimonia”, ricorda Emerson.
Quando i sacerdoti hanno iniziato la loro processione dal Seminario San Jose de la Montaña al tempioimprovvisato, il mondo ha realizzato la grandezza della scena. La parata ecclesiale è durato una mezz’ora per l’ingresso di circa 1.300 sacerdoti, 100 vescovi e sei cardinali all’altare provvisorio eretto in piazza. Così grande era il numero di con-celebranti che ad un certo punto c’era un ingorgo nella processione verso l’altare ei prelati, tra cui il celebrante principale, il cardinale Amato, hanno dovuto stare in piedi sulla rampa fino all’altare in attesa della fine dell’ostruzione. Il coro ha dovuto ripetere le canzoni per dare la processione più tempo di passare. Tutto questo non ha smorzato gli spiriti del cardinale Amato, che sorrideva e benediceva ovviamente euforico con quell’ambiente (confrontando la sua comparsa in altre beatificazioni mette la sua esuberanza in manifesto).
Tre presidenti: Juan Carlos Varela (Panama), Rafael Correa (Ecuador), Juan Orlando Hernández (Honduras).
La cerimonia è stata trasmessa in diretta in tutto il mondo. Il Papa e il presidente degli Stati Uniti emessi messaggi di congratulazioni. Il segretario di Stato americano e il ministro degli Esteri del Vaticano hanno anche fatto commenti. Quattro capi di Stato hanno partecipato alla cerimonia, e molti governi hanno inviato delegazioni ufficiali. Diversi ex leader regionali erano presenti, insieme con la massiccia agglomerazione di persone la cui gioia era palpabile.

Paulita Pike era di fronte alla torre Telefónica. “Mi guardai intorno e ho visto un popolo unito”, ricorda. “Sembrava che non ci fosse nessun protocollo o targhette ufficiali nominative o distintivi della Chiesa, né fronzoli, né tacchi né legami, né posti riservati, né diademi consegnati”. L’esercito, la polizia ei professionisti di sicurezza non erano necessarie, sostiene Pike. “Meglio dovrebbero sono andati in vacanza in quel giorno perché hanno richiamato i loro stipendi per divertirsi. La paura era andata altrove”.
L’applauso è stato fulminante con ogni menzione di Mons. Romero, tra cui i più casuali e meno previsti, come l’inserimento del nuovo beato tra i santi citati nella preghiera eucaristica. L’entusiasmo era a volte sorprendente; razzi è esploso durante la Messa, anche durante il Vangelo. Altrettanto euforico erano i gridi di “viva” che risuonavano durante la cerimonia, in particolare quelli a favore del papa.
L'intera liturgia—le sue canzoni, letture e orazioni—può essere riassunta nel tono tragico-trionfale del Salmo responsoriale: “Chi semina nelle lacrime mieterà con giubilo”. [Sommario - Compendium - Curiosità]
Il culmine è venuto alle 10:26 del mattino ora locale, quando il cardinale Amato ha pronunciato il nome di Mons. Romero in latino, “Ansgarius Arnolfus Romero Galdamez” seguito dalla formula “episcopus et martire ... Beati nomine in posterum appelletur”, dal momento in cui il figlio di Santos e Guadalupe, “il bambino del flauto”, è diventato il primo salvadoregno Beato.
Julian Filochowski, Presidente della Romero Trust, ha viaggiato da Londra ed era seduto con alcune suore irlandesi, dietro le fila del clero. “La mia sensazione generale era euforia senza limiti”, ricorda Filochowski, chi ha stato responsabile di nominare Romero per il premio Nobel per la Pace nel 1979. “Eppure, tutto questo è stato mescolato con una strana sensazione di vuoto nello stomaco”—ricorda lui—“esattamente la stessa sensazione che ho avuto quando Nelson Mandela è stato liberato da 27 anni di carcere” nel 1990. “Il Beato Oscar Romero ora davvero apparteneva alla Chiesa universale e non solo alla nostra piccola fraternità dei veri credenti che aveva perseguito tenacemente il riconoscimento del suo martirio”.
Emerson Paez, coordinatore del gruppo giovanile della parrocchia di San Francisco, ha versato qualche lacrima. “Sentivo che era la vittoria dei giusti, dei poveri, gli umili, gli emarginati, i senza voce; Monsignor Romero rappresentava tutti noi e ciò che il popolo aveva detto—‘Monsignor Romero, Santo’—la chiesa ora solo confermava”.
Il gruppo giovanile della parrochia di San Francisco.
Jenny Concepción Fuentes Ayala, una degli studenti del gruppo, di 16 anni, ha pensato delle catene di preghiera che avevano fatto chiedendo per la beatificazione. “Ci sono state lacrime, sorrisi, pianti, ma soprattutto la gioia”, ricorda la ragazza: “gioia nel sapere che tanto sacrificio di anni fa, con le preghiere giorno dopo giorno con grande devozione nella nostra parrocchia di San Francisco, è diventato realtà”.
Sandra Judith Zuleta Cornejo era dietro l’altare, seguendo la cerimonia su uno schermo gigante. “Mi sento mi sono comportato come un’incredula, ma nella mia mente ho pensato perché non ci danno un segno?”, ricorda la maestra del Istituto Cattolica Padre Richard Mangini “come nelle apparizioni di Fatima, per coloro che hanno avuto il privilegio di essere ospiti speciali, essendo i più grandi avversari, che possano arrossire di vergogna e riconoscere, così come quei soldati romani ai piedi della croce hanno riconosciuto in Gesù il figlio di Dio, che Mons. Romero è un santo”.
L’insegnante Zuleta e migliaia di persone hanno guardato verso il cielo. Ognuno ha visto e registrato un fenomeno singolare. “Il mio ricordo duraturo è l’arcobaleno, l’alone solare che è il termine tecnico”, dice Julian Filochowski. “È apparso intorno al sole, al momento che il decreto di beatificazione è stato letto ed è durato per circa 45 minuti”.
Jorge Bustamante, direttore del Grupo Radio Stereo, era vicino all’ingresso degli ospiti speciali. “Ricordo il mare di ombrelli che poi scomparve per ammirare l’alone solare”, spiega Bustamante un anno dopo.
Mons. Escobar non ha visto l’alone fino a dopo la conclusione della cerimonia. “Devo dire che noi vescovi che li hanno accompagnati al Cardinale Presidente della cerimonia, non abbiamo avuto l’opportunità di vedere il segno del cielo, perché il tetto del tempio ci lo ha impedito del tutto”, ricorda l’Arcivescovo. “Abbiamo visto più avanti in fotografie e video che hanno preso”, ha detto il prelate.
Secondo Julian Filochowski, anche se il fenomeno non è stato un miracolo nel senso stretto della parola era davvero un segno. “Per me, quello che è venuto in mente è stata la descrizione biblica di quando Gesù fu battezzato nel Giordano e la voce dal cielo: ‘Questo è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto’. Non è stato un miracolo, ma sì, era un segno!
L’Arcivescovo concorda in questo punto: “È veramente grande e molto significativo, credo che in questo modo Dio ha messo la sua firma su un evento così straordinario che porta gioia al cielo e la terra”, approfondisce. “Mai nella mia vita avevo visto l’alone solare e capisco che questo non accade in questo paese, ma per Dio nulla è impossibile”, dice l’arcivescovo. “Ha fatto in questo modo che il mondo veda che in cielo c’è una stella luminosa che sta sempre illuminando il popolo di Dio con la sua dottrina, il suo spirito e la sua intercessione—ciòe, nostro Monsignor Oscar Romero”.
Herberth Huberto Hernandez Hernandez, un altro degli studenti universitari di San Francisco, concorda. Con i sui 18 anni, il giovane capisce che “Romero si intende una luce che è ancora vive e cresce sempre più per raggiungere tanti cuori che hanno bisogno di lui”.
Il Vostro Blogger.

Post a Comment