Friday, March 04, 2016

Il martire dimenticato di El Salvador


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 
La chiesa di p Nicolas.

Il primo sacerdote assassinato in El Salvador non era il padre Rutilio Grande, ucciso nel marzo del 1977, che ha cambiato per sempre la traiettoria dell’arcivescovado del Beato Oscar A. Romero. Sette anni prima di Grande, era stato massacrato padre Nicolas Antonio Rodriguez Aguilar, e incredibilmente il Beato Romero ha anche svolto un ruolo nella storia di questo vero “protomartire”.

Romero ha commemorato la sua morte accanto a quella di altri sacerdoti uccisi, ricordando il morto come uno “che sono andato insieme ad altri sacerdoti, commissionati da Mons. Chavez [l’ex arcivescovo], a raccogliere in San Antonio Los Ranchos, Chalatenango”. (Il Giornale, 28 novembre 1979) “È giusto che ora quando ci ricordiamo l’eroismo dei nostri sacerdoti”, ha dichiarato il Beato, “dovremmo anche ricordare lui”. (Omelia del 27 novembre 1977.) Così ha fatto il Beato Romero memoria del primo martire salvadoregno, “è venuto da una confessione portando gli strumenti di affidare un’anima per l’eternità, un ministro che è morto al servizio del suo sacerdozio”.
Mons. Romero ha ricordato i tristi dettagli: “Sono andato a raccogliere il suo corpo, era già marcio”. È stata uno scenario sinistro. Sbranato e divorato da cani e uccelli da preda, il corpo del sacerdote è stato trovato con la mano destra mozzata da machete, un trauma cranico e altri segni della violenza che aveva subito. Insieme con il suo corpo, le autorità hanno trovato gli oli santi, una stola, un caporale e il cartone utilizzato per ripararsi dal sole. La delegazione che è venuto a reclamare il suo corpo nel luogo, lo hanno messo in una scatola e lo portarono in processione con le preghiere e le grida della gente che li accompagnavano; lo misero in una canoa per attraversare il fiume, e hanno continuato la salita a piedi al cimitero pubblico di Cojutepeque. Il semplice croce sulla sua tomba portava l’epitaffio: “È morto nella linea del dovere pastorale”—proprio come ha descritto Romero.
Padre Nicholas è nato a Cojutepeque il 15 maggio 1921. È stato ordinato sacerdote il 16 gennaio 1949. “Nicola era un prete tranquillo, poco comunicativo, cordiale e tagliato dal vecchio stampo”, ha detto Super Martyrio l’ex sacerdote salvadoregno Inocencio “Chencho” Alas, che è stato rapito e torturato nello stesso periodo. “Non apparteneva a nessuno dei movimenti di cambiamento”. Ma secondo la logica perversa della persecuzione della Chiesa del tempo, la neutralità di Padre Nicholas è stato quello che ha fatto di lui un bersaglio per i suoi carnefici. “Sarebbe un soggetto ideale, perché ha preso di mira i sacerdoti senza rivelare l’origine dell'azione”, ricorda Jose Alejandro Duarte Fuentes nel suo libro Borbollones: Padre Nicolás Rodríguez, Mártir, Imprenta Universitaria, San Salvador, 1999, pag. 19. E secondo un rapporto 1977 dall’arcidiocesi, il movente del delitto era quello di intimidire il clero. Rivera Damas, La labor pastoral de la arquidiócesis de San Salvador,” ECA 348-349 (1977), pag. 809.

La gente di p Nicolas in un campo profughi durante la guerra civile.
28 novembre è una data fatidica nel martirologio salvadoregno. È stato lo stesso giorno in cui fu ucciso Padre Ernesto Barrera nel 1979, e padre Marcial Serrano nel 1980. Il Sabato 28 novembre 1970, don Nicola era andato a celebrare un matrimonio a San José Cancasque, un villaggio situato a due miglia dalla sua parrocchia, San Antonio Los Ranchos, Chalatenango. Era il tempo di inizio dei movimenti di contadini, l’organizzazione sindacale e la creazione delle Comunità Ecclesiali di Base. La sua missione è stata incarnata nella zona di conflitto in cui il fiume Sumpul confluisce nel fiume Lempa, la stessa regione che ha prodotto il martirio di Padre Grande e il massacro di El Sumpul, la stessa area in cui gli americani religiosi Ita Ford e Maura Clarke hanno lavorato prima di essere uccise nel 1980.
Padre Nicolas ha vissuto e viaggiato come i poveri, ed aveva viaggiato in autobus per un luogo chiamato Santa Teresa. È stato intercettato da criminali che hanno offerto di portarlo a cavallo di un luogo per amministrare l’estrema unzione ad un moribondo. “Questa è stata l’occasione della sua morte, era come un agnello al macello”, dice Duarte. (Op. Cit., pag 24.) Gli assassini torturato il sacerdote e volevano farlo ubriacare in modo che potesse sopportare la tortura. Quando si è rifiutato di bere, gli tagliarono la mano, ma questo ha causato lui a sanguinare eccessivamente. Per cercare di fermare l’emorragia, hanno immerso la sua mano in acqua bollente. Quando ha continuato a sanguinare, hanno deciso di eliminarlo. Quando ancora morto il suo corpo continuava a sanguinare, lo bagnarono in calce. Hanno mantenuto il suo cadavere disteso su un’amaca per diversi giorni, e quando ha iniziato ad emettere odori, hanno costretto gli abitanti a mano armata per portarlo al luogo dove lo hanno scaricato.
Padre Juan Leon Montoya era cappellano militare (e quindi si scontrano con Romero), ma l’uccisione crudele lo ha spinto a riconoscere la morte come martirio. Padre Nicolas “ha trovato la morte mascherata di assassino, e ha celebrato la sua ultima Messa in un calvario di dolore, offrendo la sua vita sullo caporale su cui Cristo Eucaristia aveva riposato sul Consolatore viatico”, ha scritto P. Montoya. “Un caporale che è stato trovato macchiato con il sangue dal petto sacerdotale”. La sua morte è stata una testimonianza: “Il suo volto sfigurato, amputata la mano destra, ci danno l’immagine del Cristo Rotto, sacerdote senza nome, ma un prete nella grandezza del sacrificio della sua vita e l'immolazione che identifica il sacerdote con Cristo”.
Nonostante lo shock del momento, l’omicidio di padre Nicolas è stato dimenticato, e finalmente è stato spostato dalle figure dei martiri salvadoregni che sono venuti un decennio dopo la sua macellazione. Ciò è dovuto in gran parte al fatto che il suo assassinio non ha innescato un’ondata di persecuzioni contro la Chiesa come il perseguimento aggressivo scatenato dopo la morte di Padre Grande. Pertanto, la morte di Padre Nicholas rimase un evento isolato che non è stato collegato nella fantasia popolare con gli altri crimini.  Padre Nicolas è compreso tra i 500 martiri che la Chiesa salvadoregna si appresta a beatificare nel prossimo futuro.
Alcuni si sono lamentati che la morte di Padre Nicholas non ha causato la “conversione” di Mons. Romero come ha fatto il Padre Grande. Mons. Romero è stato ordinato vescovo appena cinque mesi prima del delitto, nel giugno 1970. Romero può aver avuto Padre Nicholas in mente quando ha approfondito, nel gennaio 1971 “Un sacerdote è innanzitutto un uomo di fede e di preghiera. I sacerdoti di preghiera sono i più audaci leader perché vivono la verità biblica. ‘Io posso ogni cosa in colui che mi dà la forza’.” Romero, La Prensa Grafica, 11 gennaio 1971 (. Cfr Fil 4,13). Chiaramente, sette anni dopo la morte di padre Nicolas, Romero non lo aveva dimenticato, perché ha commemorato la sua morte mentre era arcivescovo—naturale perché aveva partecipato nel riconoscimento dei suoi resti. Infatti, pochi giorni dopo il delitto, Romero celebrato il matrimonio che Padre Nicholas non poteva arbitrare, dicendo: “Io alleviare Nicolas di questo impegno”.
Infine, Beato Romero ha riconosciuto l’importanza di questo crimine per la società salvadoregna ... “una società che uccide i suoi sacerdoti”. (Om. 9 dic. 1979)

Post a Comment