Sunday, March 27, 2016

La Chiesa della Pasqua


 
BEATIFICAZIONE DI MONSIGNOR ROMERO, 23 MAGGIO 2015
 

Questi sono stralci della prima lettera pastorale del Beato Oscar Romero.

Se dovessi cercare un aggettivo appropriato per descrivere questo momento della successione apostolica nell’Arcidiocesi, non ho alcuna esitazionea in chiamarla pasquale.

La Chiesa di Cristo deve essere una Chiesa della Pasqua—cioè, una Chiesa che nasce dalla Pasqua e esiste per essere segno e strumento della Pasqua in tutto il mondo

Gesù, che ha portato la nostra redenzione sotto il segno pasquale, desiderava vivere, in maniera pasquale, nella vita della Chiesa. La Chiesa è il corpo di Cristo risorto. Attraverso il battesimo tutti coloro che appartengono alla Chiesa vivono quella tensione pasquale, cioè, il passaggio dalla morte alla vita, quel attraversare che non finisce mai e si chiama conversione, la domanda continua su di noi per distruggere tutto ciò che è peccato e per porre in essere sempre più potentemente tutto ciò che è la vita, il rinnovamento, la santità, la giustizia.

In altre parole, il Cristo pasquale continua, vive, nella Chiesa pasquale. Non si può essere parte di questa Chiesa senza essere fedele al suo modo di passare dalla morte alla vita, senza un movimento sincero di conversione e di fedeltà al Signore.

Cari fratelli, sorelle, amici. Abbiamo vissuto insieme una Quaresima che è stata una Via Crucis, ed un Venerdì Santo che è venuto a piena fioritura in questa ora luminosa e pieno di speranza della Pasqua di risurrezione. Quelli di noi—vescovi, sacerdoti, religiosi e laici—che sono a conoscenza di ciò che significa essere una Chiesa, depositaria di tutte le energie che lavorano per la salvezza dell’umanità in Cristo, capiamo anche le sfide e le rischi di questi tempi difficili. La sfida principale deriva dalla speranza affidata alla Chiesa da parte del mondo. Cerchiamo di essere degni di quest’ora. Cerchiamo di dimostrare con la nostra testimonianza di unità, di comunione, di autenticità cristiana, e del lavoro apostolico che questa speranza è ben fondata. Mentre onoriamo con attenzione la preminenza della missione religiosa della Chiesa e della salvezza in Gesù Cristo, il lavoro apostolico dovrebbe anche tener conto della dimensione umana del messaggio evangelico, e le richieste che le sfere religiose ed eterne fanno sulla storia.

Il nostro divino Salvatore non ci dilude della nostra speranza. Facciamo appello alla Regina della Pace, la celeste Patrona della nostra gente, di intercedere con lui per noi. La Madre del Risorto difende la nostra Chiesa, il sacramento della Pasqua.

Con la mia Benedizione.

+ Oscar A. Romero

San Salvador, Domenica di Pasqua, 10 aprile 1977

Post a Comment