Wednesday, April 08, 2015

Da Romero a “Monseñor”

 
Poco prima di celebrare il suo anniversario d’argento come sacerdote il 4 aprile del 1967, Oscar Romero ha ricevuto il titolo che lo avrebbe segnato in modo particolare: Monseñor (monsignor). Una foto dal periodo (qui sopra) mostra una festa in quei giorni, in cui Romero è onorato dai membri della società di San Miguel e una ragazza lo presenta con un agnello, il simbolo tradizionale del buon pastore. Buona fortuna vuole che Super Martyrio ha trovato la ragazza che ha presentato l’agnello, mettendo in luce il contesto dell’occasione.
Sonia Sosa ora vive a Pasadena, in California, e non ha visto Romero da quei giorni in cui il sacerdote è stato premiato nella ex Cinema Gavidia, a San Miguel. Peggio ancora, Sosa non aveva visto la fotografia della cerimonia finché la sua figlia lo ha trovato di recente in questo blog. Sosa racconta una storia che purtroppo è stato troppo comune in El Salvador durante la guerra civile che seguì la tragica uccisione di Romero: la famiglia di Sosa in El Salvador ha scartato molte foto intime di Romero (“interi album,” dice lei) per paura di suscitare sospetto e la persecuzione dell’esercito.
Tutto ciò che riguarda quella foto sembra essere colorato in una tonalità malinconica. Quel momento nella vita di Romero effettivamente ha segnato il suo addio a San Miguel, dopo tanti anni di lavoro nella sua terra natale. I suoi amici e seguaci hanno supplicato e firmato petizioni chiedendo la Chiesa per mantenere Romero in San Miguel, ma senza alcun risultato. Pochi mesi dopo, sarebbe stato nominato segretario della Conferenza Episcopale, che ha richiesto Romero a trasferirsi definitivamente a San Salvador.

Romero era amico della nonna di Sonia, Emerita Sosa. La sua famiglia aveva una gelateria a mezzo isolato dal seminario, e Romero è venuto a mangiare a casa della famiglia.
Quando Sosa parla di quel periodo, è chiaro che si trattava di un’epoca ormai per sempre perduta nel tempo. Sosa ricorda che padre Romero era responsabile della Chiesa di Santo Domingo nel Barrio de La Cruz nella stessa zona. Romero impartito il catechismo ai bambini locali, tra cui Sosa. Le diede, infatti, la sua Prima Comunione nella Cattedrale di San Miguel.
Erano tempi ferventi. Sonia ricorda pregare il Rosario con la nonna ogni notte, e indossare bianco, con le sue sorelle, tutto il mese di maggio in onore della Vergine. Padre Romero aveva una stanza dietro l’altare della chiesa di Santo Domingo. Sonia lo ricorda come “una persona molto semplice” la cui vita non sembrava mai avere una fine così diversa dalla vita ordinaria e piacevole, di quell’epoca.
Questo è stato anche il momento in cui Padre Romero è diventato “Monsignor Romero,” ricevendo questo titolo onorifico ecclesiastico dopo aver scontato 25 anni di sacerdozio. Il titolo sarebbe diventato quasi il suo nome proprio durante il suo ministero come Arcivescovo di San Salvador. In realtà, molti salvadoregni ancora si riferiscono al scomparso Pastore semplicemente come “Monseñor.” Parte di questa idiosincrasia si spiega con il fatto che il titolo porta una più grande importanza in America Latina che in altre parti del mondo, come l’Europa o Nord America, perché storicamente ci sono stati relativamente pochi cardinali dell’America Latina, e monsignor è stato il titolo più alto raggiunto da prelati (ad oggi, infatti, non c’è mai stato un cardinale salvadoregno). Inoltre, facendo riferimento a Romero semplicemente come “Monseñor” i salvadoregni esprimono l’intimità, la familiarità e l’affetto, come si fa quando si chiama solo “Capitano” una persona di tale rango.
L’idea di presentare Mons. Romero l’agnello era stata della nonna di Sonia Sosa, Emerita Sosa. Sonia ricorda l’inquietudine dell’animale prima della presentazione, e il suo nervosismo per paura che l’agnello stava per fuggire. Ricorda anche la reazione di Romero dietro le tende, momenti prima della presentazione, quando intravide Sonia, circa nove anni, al momento, e l’agnello e si rese conto di quello che stava per accadere. “Rideva e rideva”, mentre Sonia diventò rosso per l’imbarazzo. “Non riusciva a smettere di ridere.” Anche nella foto, sembra ridere, l’allegria del momento per sempre congelato nel tempo.
Post a Comment