Monday, April 27, 2015

‘We Are Romero’—tempesta sopra il jingle di beatificazione


Artisti del Romero jingle 2015; USA For Africa 1985.
 
Certo, l’oggetto di questo post non è la cosa più importante accadendo intorno la prossima beatificazione di Monsignor Oscar A. Romero il 23 maggio. Tale distinzione dovrebbe probabilmente andare alle notizie che le bande di El Salvador possono rinunciare il crimine per l’occasione. In alternativa, il fatto che 12 leader latino-americani, tra cui tutti i presidenti dell’America Centrale (e forse anche Joe Biden) saranno presente potrebbe essere la storia top. Altre notizie, come i 1.400 giovani che sono venuti per un incontro di Domenica di volontari per il evento, o l’appello del Nunzio Apostolico per dichiarare Ciudad Barrios un luogo di pellegrinaggio dalla Conferenza episcopale, potrebbe essere più interessante ai pellegrini che vengono alla beatificazione.
Nessuna di queste storie ha stato l’argomento più commentato tra i seguaci Romero questa settimana, però. Il più popolare e controversa argomento è stato il nuovo jingle della beatificazione. Mercoledì 15 aprile 2015 scorso, un gruppo di artisti commerciali salvadoregni ha rivelato il jingle di suono generico, che ricorda una musichetta commerciale dal 80s (si pensi uno di Coca Cola), con lirica destinata ad essere, più di tutti, inoffensive e incontrovertibile. Ad esempio:
Un solo El Salvador cantando ad una sola voce
Né oblio né rancori
La voce era del povero, lo ha fatto per amore
Ci ha lasciato una eredità, è tornato il diritto e la dignità di tutti
Amato la vita fino alla fine, Romero è stato un martire per amore 

Le reazioni sono venuti con rapidità e furore. Nonostante l’apologeta occasionale, la maggior parte dei pareri sono stati prevalentemente negativi; pochi erano francamente caustiche. “Cinque jingle che sono meglio di quello di Mons. Romero” ha dichiarato uno editoriale, mentre un altro ha deriso il jingle del “Romero decaffeinato”. Un utente di Twitter ha postato che, “C’è un posto speciale all’inferno per il ‘talento’ che ha scritto la musica e testo” del jingle. Una delle critiche più creativi era una variante del meme “Hitler Scopre” (sulla base di outtakes dal film tedesco di 2004 Der Untergang in cui il dittatore getta un capriccio quando scopre che la contro-offensiva finale contro i sovietici che ordinò non ha stato lanciata) la cui premessa strepitosa è che anche Hitler avrebbe obiettato con veemenza il jingle.
Le critiche del jingle seguono tre linee: (1) obiezioni ai produttori e gettato dietro la canzone; (2) le obiezioni al messaggio/testo; e (3) obiezioni alla qualità della canzone. Sotto tutto questo, però, la polemica si riduce a chi ha diritto di definire Romero, e chi non lo ha. I critici più appassionati sostengono che gli artisti commerciali non hanno mostrato le loro facce quando Romero aveva bisogno di loro sostegno sono stati premiati con tutta l’attenzione nel progetto del jingle, mentre gli artisti meno noti che hanno cantato con tutto il cuore su Romero prima che fosse in voga farlo sono stati ingiustamente esclusi. Allo stesso modo, ci sono le accuse che la Societàdi Television Salvadoregna (TCS, per il suo nome spagnolo) ha tenuto un monopolio di copertura della beatificazione e che la loro sensibilità eccessivamente commerciali ha dettato le scelte stilistiche e produttive che circondano il jingle. Tutto, al contrario di Romero.
Le prime due critiche (circa la produzione e il contenuto) sembrano eludere il bersaglio. Per i critici, la campagna pubblicitaria cerca di celebrare che Romero è un martire nascondendo perché è stato fatto un martire (cioè la campagna mira a imbiancare la discordia sociale). Ma il rovescio della medaglia della questione è che una beatificazione non è, come il postulatore di Romero ha già sottolineato, per il bene di Romero (oi suoi seguaci) ma per il bene di tutta la società. Di conseguenza, è importante per la beatificazione Romero evitare, come dice il vecchio adagio, predicare al coro (in questo caso letteralmente) e, invece, si dovrebbe cercare di ampliare e ottimizzare l’appello di Romero in modo che il suo messaggio raggiunga quelli che non ha mai raggiunto. L’argomento delle ingiustizie ai seguaci di Romero è convincente ma, in ultima analisi, una beatificazione non è una celebrazione di vittoria.
In un editoriale di mente elevata sul settimanale dell’arcidiocesi questa Domenica, mons. Jesús Delgado ha scritto filosoficamente su chi ha il diritto di parlare per Romero. Delgado ha sottolineato che anche i fedeli seguaci di Romero possono involontariamente proiettare le proprie opinioni e preferenze su Romero e lui paragonato ai punti di divergenza di vedute su Gesù nei quattro Vangeli, che a volte riflettono la tesi teologica degli evangelisti. “Corriamo il rischio”, Delgado avverte, “di avere migliaia di ritratti di Romero che sono molto diverse e anche contraddittorie, se non del tutto falsi”. Anche se Delgado non affronta la polemica sulla canzone, l’affermazione che gli ammiratori di Romero hanno dipinto un’immagine inesatta mina la tesi che solo loro dovrebbero essere autorizzati a cantare le sue lodi.
Queste considerazioni offuscano anche l’ultimo punto, se la canzone semplicemente non è buona. Inquietudine su uno spirito commerciale può filtrare in considerazione di merito. Quando un gruppo di 44 gruppi musicali di Stati Uniti si sono riuniti nel 1985 per registrare il singolo benefico “We Are the World”, il giornalista Greil Marcus lamentato che la canzone suonava come un commerciale di cola. “Nell’ambito di contestualizzazione”, ha scritto, “'We Are the World', dice meno di Etiopia di quanto dice su Pepsi”. Egli ha osservato che la costante ripetizione di frasi come “C’è una scelta che stiamo facendo,” insieme al fatto che il gruppo includeva artisti contratti da Pepsi, ha portato ad una commistione di valori di beneficenza con interessi commerciali.
In “in un insieme di vari artisti—come “We Are the World” e il jingle di Romero—in cui gli artisti provengono da varie band, suonando in diversi generi, a diversi tipi di pubblico, lo stile della loro collaborazione è tipicamente insipido ed aconfessionale. Di conseguenza, il problema più grande del jingle Romero è che non ha un’anima. Ecco perché suona vago e tiepido; ha anche una mancata corrispondenza tematica con Romero, che ha parlato in modo chiaro, anche stridente, a volte. Le preoccupazioni circa commercialismo e l’esclusione, nella misura in cui sono validi, fanno peggiorare le cose, ma il problema principale è che la canzone è, per le ragioni esposte, scadente.
~~~
PostScript. Se l’ufficio di canonizzazione è alla ricerca di una sostituzione dell’ultimo minuto, c’è una canzone che è commercialmente valida e ha un sacco di cuore. È disponibile in inglese e spagnolo e c’è un registrazioni audio e anche un video. “Romero” di The Project, viene senza il bagaglio di guerre culturali salvadoregni, e ha decine di migliaia di visite su Internet; è stato favorevolmente recensito da numerose riviste, centinaia di blog (includendo questo), e ha ricevuto airplay in radio e podcast, tra cui RomeReports.com. Più di recente, è stato segnato ed eseguito nelle celebrazioni Romero a Londra con il cardinale Vincent Nichols. È stato anche suonato in radio e televisione in El Salvador. Solo dico.
 
Post a Comment