Friday, April 24, 2015

Bande salvadoregne offrono tregua per beatificazione




Le principali bande salvadoregne hanno promesso a desistere dalla violenza, furti, estorsioni e altri reati in una dichiarazione rilasciata ai media il 23 aprile 2015. I portavoce di diverse organizzazioni criminali, tra cui «MS 13» e «Barrio 18», hanno offerto il pegno come “regalo” a Mons. Oscar A. Romero, in grado a essere beatificato in un mese, e come un segno della loro conversione. “Questo è il regalo che vogliamo fare a monsignor Romero: il nostro pentimento e richiesta di perdono alla società per tutti i danni provocati”, inizia il messaggio delle bande.

La Dichiarazione delle bande non hanno ancora provocato gratitudine e gioia tra i salvadoregni, perché non è ancora chiaro se la dichiarazione è qualcosa di più di una manovra cinica. Altrettanto importante, la popolazione è stanca di sforzi per il risanamento dei gruppi, preferendo che le autorità si fanno dure sulla criminalità. Nel loro messaggio, le bande chiedono sostegno per un piano per riabilitare e reinserire membri delle bande nella società.  Da parte sua, il governo salvadoregno ha recentemente annunciato misure draconiane per combattere la criminalità, includendo la creazione di battaglioni élite di risposta rapida, che ricordano le unità simili che esistevano durante la guerra civile di El Salvador (1980-1992).  Il settore delle imprese di recente assunto l'ex sindaco di New York Rudolph Giuliani, per fare raccomandazioni di sicurezza per il paese. La sua relazione è prevista in poche settimane.

Tuttavia, la notizie mostra come la beatificazione di Romero ha il potenziale per avere profonde conseguenze sociali in El Salvador. E vi è motivo di speranza: una precedente tregua di bande con il sostegno incerto dalla Chiesa e il governo ha portato ad una drastica riduzione del tasso di omicidi tra 2012 e 2013.

Forse la Chiesa salvadoregna può cogliere il momento di accompagnare i gruppi di giovani in un cammino di vera conversione. Se è così, la beatificazione di Romero può essere il momento di trasformazione che la Chiesa ha sognato che sarà.
Post a Comment