Thursday, April 23, 2015

Aggiornamento beatificazione Romero #14


Dal Giovedi, 23 April 2015, c’è un mese esatto a fino alla beatificazione di monsignor Oscar A. Romero a San Salvador il Sabato 23 maggio. Negli ultimi quattordici settimane, ho parlato sui preparativi per l’evento. Questa settimana, data il marchio di trenta giorni, voglio adottare un approccio diverso e incoraggiare i lettori di semplicemente venire a San Salvador per l’evento. E ‘una cosa da leggere su di esso, ma si può fare qualcosa al riguardo, che è quello di essere lì! Ecco dieci motivi per cui si dovrebbe andare.
10.       Tutti dovrebbero partecipare a una canonizzazione o beatificazione una volta nella vita! Ammettilo: non sei mai stato a una e non può mai avere il motivo per farlo. Romero si è partecipato alla beatificazione di Francesco Coll Guitart a Roma nel 1979, e ha anche fatto un giro terre natali del santo nel nord della Spagna durante lo stesso viaggio. Egli ha compiuto molte delle cose evidenziate in questi dieci motivi per partecipare a un evento del genere.
9.         El Salvador vi sorprenderà. Essendo un piccolo paese, El Salvador porta un grande impatto, con una grande popolazione (oltre sei milioni), e un sacco di anima. Il paese dispone di 23 vulcani, di cui 6 sono relativamente attivi e danno la bellezza sinuosa della terra. Altre attrazioni naturali comprendono laghi vulcanici, spiagge sabbiose, cime boscose, e paludi di mangrovie. “La mano di Dio,” ha dichiarato Ven. Pio XII, “che dà tutto il suo nome e il suo luogo, si trova nel centro dell’arco che unisce le due parti di un mondo che chiamiamo ‘Nuovo’ e si è degnato di chiamarti la Repubblica del Salvatore” («El Salvador»).
8.         La cerimonia sarà una vasta e diversificata raccolta. Progettato d essere un evento di beatificazione grande (paragonabile alla beatificazione Álvaro Portillo a Madrid lo scorso anno), la cerimonia di attirerà persone interessanti e diverse, includendo gente di giustizia sociale e persone di chiesa tradizionali, backpackers da Europa e America Latina, e tutti il resto in mezzo. Forse si sarà in grado di stare accantoal vescovo della Guinea Equatoriale che ha dichiarato la sua intenzione di essere lì, meglio ancora, accanto a un fornitore locale che negozia i suoi beni in vendita per le strade a pagare per i suoi figli di andare a scuola.
7.         Questa beatificazione è la rivendicazione di un santo. Questa beatificazione non è la fine prevedibile di un processo qualunque. Proprio nel 2012, un giornale italiano ha caratterizzato il processo come una “causa perduta”, che da allora ha fatto un voltafaccia sorprendente per portare Óscar Romero al riconoscimento che molti avevano già dato per acclamazione, ma alcuni hano creduto che lui non poteva riceverlo ufficialmente perché il suo messaggio era stato contorto e la sua immagine gravemente mutilata e incompresa.
6.         Una storia vivente. Né questo sarà l’elevazione agli altari di qualche antica, lontana, figura storica da un altro tempo. Invece, sarete in piedi accanto a gli amici di Romero e forse anche uno o due nemici di un tempo. Due dei suoi fratelli saranno presenti, così come alcuni dei collaboratori e contemporanei di Romero, per fornire una narrazione viva della sua eredità. Quarant’anni fa questo maggio, Romero ha pubblicato la sua prima lettera pastorale come vescovo. Sarete in mezzo alle persone che hanno partecipato nella sue messe, e per il quale ha dato la sua vita.
5.         La vostra presenza dimostrerà solidarietàcon il popolo di El Salvador. Ora come allora, il popolo di El Salvador affronta violenza e spargimento di sangue, per la violenza criminale. L’evento beatificazione sarà sicuro, perché si terrà a relativamente sicuro San Salvador (gran parte della violenza è altrove), all’interno di un perimetrale altamente protetto, per le delegazioni e capi di stato internazionali in visita. Tuttavia, la beatificazione darà salvadoregni un tanto necessario colpo nel braccio.
4.         Sarà un evento epico nella strada di riconciliazione post-bellica della regione. Oltre ad essere un balsamo per le ferite moderni, la beatificazione aiuterà El Salvador riflettere più e venire a riconciliarsi con il suo passato violento. El Salvador e altri paesi della regione, tra cui il Guatemala e Nicaragua, hanno sperimentato sconvolgimenti politici violenti e la repressione di stato nel recente passato. La beatificazione di Romero si basava in parte su una Commissione Verità delle Nazioni Unite, che ha riferito l’assassinio come un crimine di guerra. La beatificazione di Romero comanderà analisi storica e promuovere la memoria storica in una regione che ha bisogno dei due entrambi.
3.         Sarà un segno di speranza per i poveri. Se si desidera supportare il sogno di Papa Francesco di fare “una chiesa povera per i poveri”, e si vuole continuare l’atteggiamento di Óscar Romero, di non vergognarsi di dire “la Chiesa dei poveri”, allora questa beatificazione è per voi. Una delle ragioni per cui i devoti Romero abbiamo tanto voluto la sua beatificazione così urgentemente è che abbiamo saputo che la sua beatificazione, come la sua vita, sarebbe un incoraggiamento per i poveri.
2.         Sarà un pellegrinaggio di prima classe. Questa beatificazione ti porterà crescita spirituale. Al mio primo pellegrinaggio Romero, un viaggiatore americano ci mi ha detto: “El Salvador ha spezzato il mio cuore, ma Dio è venuto attraverso la rottura!” Andrai l’unico paese al mondo che prende il nome di Gesù Cristo (“El Salvador” = Sp., Il Salvatore), sarete in una terra di martiri. “Perché dietro di [Romero], c’è Rutilio Grande e ci sono altri,” ha detto Papa Francesco (la causa canonizzazione di P. Grande è stato avviato quest’anno). Vedrete i luoghi Romero e gli altri martiri salvadoregni, tra cui le chiese associate a Romero.
1.         Beato Romero è il primo dei “Nuovi Martiri”. Ultimo ma non meno importante, questa è la beatificazione del più famoso e amato martire del 20 ° secolo, che è venuto a esemplificare i “Nuovi Martiri”—quella classe dei martiri dell’età moderna, uccisi da criminali che cercano di nascondere la loro odio alla fede dietro motivazioni finte. Romero, uno dei tre vescovi nella storia uccisi in chiesa (gli altri due sono morti quasi mille anni prima), e l’unico ucciso all’altare celebrando la Messa, potrebbe essere il martire più importante del nuovo millennio.
Voli economy per la beatificazione in VECA Airlines.


Che bello sarebbe avere la presenza di molti cardinali. Già che il papa non può essere lì, la presenza solidale dei “principi della Chiesa” dovrebbe fornire un forte simbolismo. Che bello sarebbe se ci fosse un gran numero di vescovi, presenti per un vescovo fratello ucciso sull’altare. Ma non solo la gerarchia; sarebbe bello vedere il popolo di Dio. Si dice spesso di Romero, quasi con un bordo demagogico, che, il popolo lo ha dichiarato un santo. Quelle parole avrebbero suoneranno vuote se il popolo rimane lontano il giorno della sua beatificazione. Mi piacerebbe vedere molti salvadoregni che vivono all’estero tornare a casa; e anche i cattolici-“impegnati”: che cosa è l’impegno se non vanno? Parrocchie negli Stati Uniti, Europa e in America Latina dovranno inviare la loro gente. E la gente di buona volontà di altre religioni dovrebbero unirsi a noi. Se tutti questi settori rispondono come dovrebbero, El Salvador non sarà abbastanza grande da contenere tutti noi!

Super Martyrio continuerà a monitorare gli sviluppi e fornire un aggiornamento ogni Venerdì quanto riguarda i piani di beatificazione in corso. [Leggi il mio ultimo aggiornamento qui.]
Post a Comment