Sunday, March 22, 2015

Il martirio di Romero, a 35 anni


Il giovane P. Romero in San Pietro nel 1950.
 
Trentacinque anni è un tempo lungo. Se Mons. Oscar Romero avrebbe guardato indietro trentacinque anni nel 1980, dal modo che noi stiamo guardando indietro al suo martirio quell’anno, egli avrebbe dovuto guardare indietro al 1945, l’anno della fine della seconda guerra mondiale. Un altro modo più evidente di drammatizzare il fatto, è da dire che un bambino nato quando Romero fu ucciso, naturalmente, avrebbe trentacinque anni oggi.
Se Romero stesso fosse nato nel 1980, oggi avremmo il padre Romero del 1952 — anno che Romero aveva 35 anni. Quello era l’anno che Romero ha scritto circa una imminente conferenza della Chiesa in Colombia per studiare questioni sociali affrontando i contadini latinoamericani. “La chiesa si avvicina il contadino,” ha scritto Romero, “generosamente, ad amarlo, ad elevare a lui e fargli vivere la sua grandezza come un figlio di Dio e di re della creazione.” Ha contrapposto l’approccio della Chiesa a quello dei “ricchi proprietari e allevatori,” che si avvicinano dei contadini “con il desiderio egoistico e meschino di sfruttare e scandalizzare.”
Questo Romero, di 35 anni, ha lamentato gli atteggiamenti prepotenti che presuntuosi abitanti urbani mostrano verso contadini: “tale palese senso di superiorità che possiamo quasi dire che stiamo vivendo nuovamente dell’era dei padroni e servi,” biasimato Romero. Ha avvertito che tale disprezzo razze lo sfruttamento e l’ingiustizia, e denuncia le disuguaglianze tra le classi. “Il raccolto abbondante e prezzi elevati sorridono una promessa di speranza per le casse di ricche che si sottoscrivono ogni sorta di lusso e capriccio”, ha scritto, “mentre il povero bracciante agricolo, sottopagato, si dorme senza sogni, sotto un baldacchino di caffè straniero per digerire una grossa frittata di fagioli — l’unico sostentamento che diventa il suo modello e consuetudine durante tutta la stagione.”
Durante i primi trentacinque anni di vita di Romero, la sua coscienza sociale stava appena cominciando a fondersi, ma passaggi come questi dimostrano che Romero non era né cieco né indifferente alle ingiustizie sociali quando aveva trentacinque anni di età. Analogamente, a trentacinque anni dalla morte di Romero, stiamo solo cominciando ad apprezzare il profilo completo del Santo. Non è la caricatura che abbiamo a volte stato presentato, di un uomo che non esisteva fino agli ultimi tre anni della sua vita o, tanto meno, che non gli importava o non piangeva sopra l’ingiustizia per i primi sessant’anni della sua vita. Invece, egli era un uomo che ha intrapreso un processo permanente di conversione che lo ha messo su un percorso difficile fino il martirio che la Chiesa ha finalmente riconosciuto dopo trentacinque anni.
È vero che Romero è diventato più “radicale” alla fine. Parte della ragione per la sua disposizione radicale era che la situazione era più radicale, più disperata e più estrema. Ma Romero è diventato anche più “radicale” nel vero senso della parola. La parola “radicale” deriva dal latino radic-, radix che significa “radice.” Alla fine della sua vita, Romero tornò all’idea radice che aveva espresso come sacerdote di trentacinque anni: che la Chiesa deve avvicinarsi ai poveri, e contadini, per elevare a loro e aiutarli a sperimentare la grandezza di sentirsi figli di Dio. “La vera promozione o sviluppo,” Romero predicò nel marzo 1980, “ci coinvolge nel poter sperimentare noi stessi come figli di Dio.”
Aveva scritto quel messaggio nell’inchiostro quando aveva trentacinque anni di età e, trentacinque anni fa, ha fatto saltare lo stesso messaggio nel sangue; ed è questo messaggio che dà significato al suo martirio.  Trentacinque anni dopo, la Chiesa, e tutti noi, comprendiamo questo un po meglio.


Di più:


Eventi Anniversario
Rispondere sondaggio
Post a Comment