Wednesday, March 25, 2015

Osservano lieto 35 ° anniversario Romero


San Salvador, 22 marzo 2015.
 

Commemorazioni in El Salvador e in altre luoghi per celebrare il XXXV anniversario del martirio di Mons. Oscar A. Romero avevano un’atmosfera decisamente allegra quest’anno, data la notizia che Romero sarà beatificato a maggio.
In El Salvador, si sono svolte numerosi eventi commemorativi dal fine settimana. Perché il anniversario 24 marzo caduto durante la settimana, la commemorazione principale di San Salvador si è svolta nella notte di Sabato. Migliaia hanno marciato in una processione a lume di candela del Monumento Divin Salvatore a Oest San Salvador fino la piazza di fronte alla Cattedrale. L’attuale Arcivescovo di San Salvador Mons. José Luis Escobar, ha celebrato la messa su un altare provvisorio sui gradini della Cattedrale davanti a una folla che non poteva andare bene all’interno.
 
Ciudad Barrios, 24 marzo 2015.
 
Numerosi Messe commemorative sono state celebrate il 24, tra cui una Messa mattutina celebrata dal vescovo nicaraguense in visita presso la cappella dell’ospedale cancro dove Romero è stato ucciso. A quella messa hanno partecipato il Presidente di El Salvador e membri del suo gabinetto. Il Vescovo Rodrigo Orlando Cabrera Cuéllar ha celebrato una messa festiva a Ciudad Barrios, città natale di Romero, in un ambiente di festino. Il vescovo messicano in visita Raúl Vera ha detto una piccola Messa nella cripta dove Romero è sepolto.
 
Cattedrale San Salvador, 24 marzo 2015.
 
L’evento principale il Martedì è stato la Santa Messa a Cattedrale officiata dal panamense cardinale José Luis Lacunza Maestrojuan, circondato da circa cento sacerdoti e seminaristi, tra cui l’Arcivescovo, il Nunzio Apostolico e l’Arcivescovo Emerito, con un paio di migliaia di fedeli presenti. Anche il 24, la Chiesa salvadoregna ha annunciato che tutte le cattedrali del Paese suoneranno le loro campane e loro vescovi direbbero Messa (il paese è diviso in otto diocesi).
Alla messa Cattedrale, il Cardinale Lacunza deliziato la folla, dicendo che la discussione sul martirio di Romero era finita. “Roma locuta, causa finita”, ha detto il presule, citando la frase latina che si traduce come ‘Roma ha parlato, la discussione è chiusa’. Egli ha detto che “Roma ha parlato forte e chiaro: La Chiesa ha dichiarato Romero martire , a causa di odio alla fede ... Cerchiamo di essere chiari”, ha aggiunto, “Mons. Romero fu sacrilegamente ucciso in odio alla fede”. Ha recitato l’argomento vincente del recente processo di beatificazione, dicendo che “Mons. Romero non era né un rivoluzionario, né un politologo, né un sociologo: era un evangelizzatore”. Il suo discorso è stato spesso interrotto da applausi. [Audio, in spagnolo.]
 
Los Angeles, 22 marzo 2015.
 
Messaggi analoghi sono stati ascoltati da alti chierici altrove la scorsa settimana. A Los Angeles, Mons. José Gómez predicava che Romero “ci ha mostrato che la Chiesa esiste per una sola ragione - a portare avanti la missione di Gesù, la sua missione di evangelizzare e salvare il mondo. E che la missione”, ha detto Gómez, “significa che la Chiesa deve essere sempre una voce per chi non hanno voce, una difensora dei piccoli e deboli; una forza di amore e di verità, di dignità e giustizia - al servizio dei poveri e che mostra la misericordia di Dio per tutti coloro che soffrono”. [Testo integrale, in inglese.]
 
Londra, 21 marzo 2015.
 
A Londra, il cardinale Vincent Nichols ha predicato una omelia di Sabato a S. Martino nei Campi vicino a Trafalgar Square, affermando che Romero è morto “in santità di vita e per un motivo: l’odio della fede, l’odio di Gesù, l’odio per l’immancabile amore di Dio, visto in Gesù, che ha un posto privilegiato speciale per i poveri”. Egli ha aggiunto che, “Se veramente vogliamo imitare Oscar Romero e veramente seguire il suo esempio, allora anche noi, ogni giorno, dobbiamo mettere il grido dei poveri in ogni parte del mondo, al centro della nostra preghiera. Questa è l’azione più radicale che possiamo prendere, la risposta più profonda che possiamo fare alla povertà in mezzo a noi”.  [Testo integrale, in inglese.]
Scrivendo in un editoriale, l’Arcivescovo di Philadelphia Charles J. Chaput ha sostenuto che “parte del potere di Romero era la sua comprensione che la Chiesa, per sua natura, deve essere rivoluzionaria nel senso più vero: Lei cerca, e al suo senso ottimale vive, una rivoluzione dell’amore cristiano”. Ha citato le parole di Romero che la Chiesa cerca una salvezza umana integrale, per salvare la gente nella loro dimensione trascendente e la loro dimensione storica, nella loro dimensione spirituale e la loro dimensione corporea.  [Testo integrale, in inglese.]
Chaput è arcivescovo della città che ospiterà l’Incontro Mondiale delle Famiglie 2015, che vedrà la partecipazione di Papa Francesco e l’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Commissione sulla Famiglia, e postulatore della causa di monsignor Romero. Chaput ha annunciato che, “per commemorare il sacrificio di Romero”, il comitato dell’Incontro Mondiale delle Famiglie per la Fame ei Senzatetto sarebbe trascorrere del tempo questa settimana “visitando ricoveri, mense, dispense alimentari e cliniche, ascoltando storie e cercando di comprendere le dimensioni personali e sociali della povertà”.
 
Vaticano, 22 marzo 2015.
 
Un approccio simile è stato preso dalla Caritas-Roma, dove una veglia commemorativa guidata dal vescovo Matteo Zuppi, e una Messa celebrata da Mons. Romero Paglia sono stati inclusi come parte di una settimana della Carità, con attività rivolte gruppi come detenuti e malati di AIDS. Dopo la messa di Domenica di monsignor Paglia, vicino al Vaticano, i fedeli hanno marciato a Piazza San Pietro per partecipare all’Angelus di Papa Francesco. Portavano, tra altre cose, una croce di legno il Pontefice utilizzato nella sua visita all’isola di Lampedusa, per onorare gli immigrati annegati cercando di raggiungere le coste europee. “Saluto tutti i pellegrini presenti”, ha detto il Papa, e ha citato varie delegazioni per nome, tra cui, “il gruppo intitolato al Vescovo martire Oscar Romero, che sarà presto proclamato Beato”.
Romero sarà proclamato beato in una cerimonia di beatificazione che era meno di sessanta giorni di distanza dal 24 marzo, e che stabilisce il tono di attesa e di speranza sul cupo anniversario.

Fervore a Los Angeles.
Post a Comment