Wednesday, March 18, 2015

La Festa liturgica di Romero




La prossima settimana, il 24 marzo, il mondo cattolico commemorerà il XXXV anniversario della morte di monsignor Oscar Romero, per la prima volta con il riconoscimento ufficiale che è stato un martirio agli occhi della Chiesa. Per gli ammiratori di Romero, non c’è mai stato alcun dubbio che è morto martire, e non vi è dubbio che la data della sua morte è una grande giornata di ricordo e di preghiera. Essi possono essere sorpresi di apprendere che non vi è alcuna certezza che il 24 marzo sarà il giorno della sua festa liturgica dopo di essere beatificato.

Naturalmente, 24 marzo inizia come il contendente superiore per la data in cui Romero sarà onorato nel calendario della Chiesa ogni anno dopo di essere beatificato. Date tradizionali selezionati per onorare i santi sono le date della loro nascita, ma le date di morte sono generalmente preferiti come simboli della loro nascita alla vita eterna. La tradizione è particolarmente forte rispetto a quelli, come Romero, ucciso in odio alla fede. Loro feste sono impostati per commemorare le date dei loro martiri.

Lo scrittore cattolico Rocco Palma sottolinea il problema con una Festa 24 marzo: “la frequente coincidenza della data con la settimana Santa ... si impedirebbe di essere osservata in qualsiasi modo” secondo gli norme interne della Chiesa riguardanti la liturgia, quando il 24 cade in un giorno che la Chiesa ha riservato per una commemorazione di priorità più alta, come la Settimana Santa o l’Ottava di Pasqua. Secondo l’Ordinamento Generale del Messale Romano (OGMR), le disposizioni liturgiche dettate per la Quaresima, inclusi i colori liturgici e letture bibliche, non possono essere modificati per l’osservanza della festa di un santo. Le restrizioni sono ancora più gravi nel Mercoledì delle Ceneri e durante la Settimana Santa e l’Ottava di Pasqua. Nessuna festa di santo può essere celebrata a tutti durante questi giorni di riflessione solenne sulla morte e risurrezione di Cristo. [OGMR 355.]

La prassi della Chiesa, quando sembra esserci un conflitto tra la data della morte di un santo e le restrizioni liturgiche è selezionare un’altra data come giorno di festa. Un esempio illustrativo è quella di San Damiano di Molokai, che è entrato nella vita eterna 15 aprile. Tuttavia, a causa della frequenza della data con la Quaresima, la fissazione della Festa del santo il 15 aprile avrebbe comportato “una festa solo di nome” (perché sarebbe effettivamente non celebrata). Di conseguenza, la Festa di San Damiano è stato fissata il 10 maggio, invece, per onorare il giorno del suo arrivo a Molokai.

Gli argomenti per salvare il 24 marzo per Romero sarebbe triplice. Innanzitutto, risulta che il 24 non è completamente eclissato dalla stagione pasquale. Ad esempio, è vero che cade sempre in Quaresima, ma rientra all’interno della Settimana Santa solo circa di il 20% nei prossimi 100 anni. Un sito web che ha creato una formula per calcolare la frequenza della Domenica di Pasqua in diversi date ogni anno ha trovato che il 24 marzo è stata la data meno frequente per la Pasqua in un periodo di 300 anni, con una singola occorrenza di Pasqua corrispondente a tale data tra il 1900 e il 2199 (quella singola occorrenza è già passato: è stato nel 1940).

In secondo luogo, nella misura in cui una Festa quaresimale si tradurrebbe in una commemorazione più sobria della memoria di Romero, l’astinenza sembra del tutto adatto. A detta di tutti, Romero era un modello di auto-negazione, in nome della solidarietà con i poveri. È stato notato da numerosi osservatori che Romero sembrava sintonizzarsi alla chiamata di Papa Francesco ‘di avere “una Chiesa povera, per i poveri.” Un giorno di festa per Romero che porta il digiuno e sacrificio Quaresimale sembrerebbe essere un raccordo omaggio sia per Romero e per il Papa che ha approvato la sua beatificazione.

Infine, e soprattutto, vi è una unità tra il martirio di Romero e la data del suo martirio che può rivelarsi difficile separare. L’uccisione di Romero in questa data, durante la Quaresima, sembra rafforzare la sua natura martiriale tanto quanto il fatto che è stato ucciso sull’altare. Sia il luogo e il tempo facevano parte della stessa impostazione, inestricabilmente intrecciate, che ha confermato il suo status di martire molto prima che il voto unanime dei teologi del Vaticano.

Come ha messo p. Jon Sobrino, “è stato canonizzato già il tempo”. Il teologo gesuita spiega che “non è necessario spiegare che cosa vuol dire ‘24 marzo’, così come non è necessario spiegare 25 dicembre o 15 settembre [il giorno dell’indipendenza salvadoregna] qui in El Salvador”.  Di conseguenza, la data è stato al centro di acclamazione universale intorno Romero:

  • La Chiesa cattolica commemora la Giornata di digiuno e preghiera per i missionari martiri, il 24 marzo, a causa del sacrificio di Romero in quel giorno.
  • La Chiesa anglicana inserito un memoriale di Romero nel suo calendario liturgico in quel giorno.
  • Le Nazioni Unite ha stabilito la sua Giornata Internazionale per il Diritto alla Verità per le Vittime delle Violazioni dei Diritti Umani e per la Dignità delle Vittime per onorare Romero in quel giorno.
  • El Salvador ha legislativamente stabilito 24 marzo come il giorno per rendere omaggio a Romero.
  • I cattolici hanno istituito commemorazioni Romero intorno a questa data a San Salvador, Roma e Londra per molti anni consecutivi.

Di conseguenza, le autorità della Chiesa possono trovare che ci sono motivi per giustificare attenersi alla regola che i martiri sono ricordati nei giorni dei loro martirio, piuttosto che seguire un’eccezione basata sulla frequenza quaresimale del 24 marzo.

E Lei—cosa pensa?  Risponda al nostro sondaggio:


(Si prega di indicare se si pensa alla festa di Romero dovrebbe essere il 24 marzo.)


Si prega di scorrere fino alla fine della pagina per votare.
Post a Comment