Friday, May 29, 2015

Allocuzione di Mons. Paglia





ALLOCUZIONE SUL BEATIFICAZIONE DEL MARTIRE OSCAR ARNULFO ROMERO GALDÁMEZ
DALL’ARCIVESCOVO VINCENZO PAGLIA, POSTULATORE DELLA CAUSA
SAN SALVADOR, 23 MAG 2015
 


 

Cari fratelli e sorelle,

Oggi è una grande festa qui in El Salvador. E una grande festa in cielo. [Applausi]. Se alziamo lo sguardo verso l’alto vedremo il cielo aprirsi e ci mostrano Oscar Romero circondato da molti uomini e donne che gioiscono con lui. Sono sacerdoti, religiosi e religiose, catechisti e semplici fedeli che sono stati brutalmente assassinati. [Applausi]. E tanti altri che hanno seguito, ascoltato e amato a lui. Si tratta di un prezioso tesoro della fede della Chiesa di El Salvador, la fede di questa terra. Tra coloro avvistiamo monsignor Rivera Damas, che ha iniziato la causa di beatificazione. [Applausi.] E Rutilio Grande, con Nelson e Manuel, chi è nel processo di beatificazione. [Applausi.] Tutti lo vedono, si rallegrano, e si uniscono a noi. 

Davvero, Romero è ora Beato. Lui è davvero felice per questo giorno. [Applausi]. Ma, non è felice per la sua beatificazione. Non aveva bisogno di esso. Romero è felice perché ci vede insieme. È stato il sogno che ha fatto per il paese e la Chiesa. [Applausi.] È per chi ha dato la sua stessa vita. [Applausi.] La sua beatificazione ci fa respirare questo sogno, ci rianima e dal cielo ci esorta a non sprecarla, non spegnerla. Questo significa che ora abbiamo di avviare un nuovo tempo per El Salvador, e per chi ama la Chiesa ei poveri. [Applausi.] Così si raccolta l’eredità di Romero. Amava dire che il Concilio Vaticano II chiama tutti noi, tutti i cristiani, per essere martiri, cioè dare la vita per il Vangelo, per gli altri, e per i poveri. Sì, cari amici, questa beatificazione chiede a tutti noi di essere martiri: cioè, a dare la vita per gli altri, per un mondo di pace e di amore, come ha fatto Mons. Romero. 

Camminando verso la canonizzazione di Mons. Romero con Papa Francesco è l’obiettivo che abbiamo. Ciò significa ... [Applausi.] Ciò significa camminare insieme a lui, lontano da violenza e praticando l’amore e la pace. Questo è il miracolo ho chiesto al Beato Oscar Romero: il miracolo di rimanere uniti e di cambiare il mondo con il nostro amore. Solo l’amore—non la violenza—cambia il mondo. [Applausi]. Per questo motivo, il motto di Mons. Romero “sentire con la Chiesa” potrebbe tradurre per noi a “sentire con Romero”. [Applausi.] Sì, ci sentiamo con Romero, fratelli e sorelle. E El Salvador e il mondo cambierà. 

Grazie mille. [Applausi.]

 

[La folla grida “Viva il Papa!” E infine “Viva Romero!”]
Post a Comment