Friday, May 08, 2015

Il vescovo venuto della fine del mondo



Tra le statistiche dei Vescovi partecipanti nella beatificazione di Monsignor Oscar A. Romero il 23 maggio, un punto geografico di origine si distingue: Papua Nuova Guinea. Il vescovo rendendo il viaggio da lì viaggerà quasi 15 mila chilometri (circa 9.000 miglia) per partecipare alla cerimonia, più di qualsiasi altro vescovo partecipando finora. Abbiamo parlato con il Vescovo Donald Lippert, O.F.M. Cap., che viaggerà dalla diocesi montagnosa di Mendi, su un’isola nazione situata a nord dell’Australia, per l’occasione.
Il “Vescovo Don”, come gli piace essere chiamato, nativo di Pittsburgh, è stato nominato vescovo di Mendi da Papa Benedetto XVI nel 2012. Il Vescovo Don ha stato investito in una cerimonia profondamente imbevuta con le note culturali della sua terra di missione, piena di batteristi e tribù indossando il loro abito indigena in una cerimonia all’aperto in cui hanno partecipato 3.000. Il cardinale Sean O’Malley, un mentore (e compagno Cappuccino), è stato il consacrante principale. La cerimonia è stata celebrata il 3 febbraio 2012, la stessa data in cui Mons. Romero è stato nominato nel 1977, e la data in cui Papa Francesco ha firmato il decreto approvando il suo martirio all’inizio di quest’anno. Il motto episcopale di Lippert è “Sentire con la Chiesa”—lo stesso di Romero.
Prima della sua nomina a vescovo, aveva servito come un professore di filosofia presso l’Istituto Teologico cattolica in Bomana, nei pressi della capitale della Papua Nuova Guinea. Lippert era stato coinvolto nella formazione dei cappuccini missionari per l’isola per anni: “Stanno loro realmente vivendo negli Atti degli Apostoli,” diceva. “Sono gli primi a portare la Buona Novella al popolo. Non ci sono troppe zone come quella che rimangono nel mondo”. Negli Stati Uniti, Lippert era noto anche per il suo ministero a Latinos, che risale al suo anno di diacono a Porto Rico.

SUPER MARTYRIO. Come è il viaggio da Mendi a San Salvador?

R.        Mendi è di 16 ore avanti di San Salvador. Sarò in viaggio da solo. Parto Mendi su un piccolo aereo il 19 maggio e passerò una notte a Port Moresby [Ed.: la capitale di Papua Nuova Guinea]. Vado a Brisbane [in Australia] il giorno dopo e transito a San Salvador sopra il Pacifico perdendo quindi un giorno. Ci sono due fermate, Los Angeles e Atlanta. Solo questa tappa del viaggio è di 41 ore. Il più grande sacrificio è la spesa dato che i nostri stipendi per i sacerdoti e religiosi è l’equivalente di 120,00 dollari al mese, di cui la metà va per il cibo. Ma questo è un pellegrinaggio ed i benefici spirituali superano le difficoltà o sfide. Inizierò di nuovo direttamente a PNG tre giorni dopo la beatificazione—dopo una breve visita con amici salvadoregni.

D.        Come è nato il suo interesse a monsignor Romero?

R.        Monsignor Romero fu martirizzato l’anno in cui ho iniziato i miei studi di teologia a Washington, DC. Sono entrato in proteste pacifiche del coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra civile in El Salvador. Ho sentito storie di prima mano su gli effetti di questo conflitto dalle innumerevoli rifugiati salvadoregni che si riversavano nella zona metropolitana di DC in questi anni quando ho stato uno giovane stagista presso il Centro Católico Hispano diretto dal ormai cardinale Sean O’Malley; e più tardi presso il Santuario del Sacro Cuore in quello che era allora un quartiere prevalentemente Latino di DC (dove la gente mi soprannominato ‘Padre Donato’). Ho ‘preso’ il mio amore per Mons. Romero da contadini, per i quali Mons. Romero era l’unico faro di luce e di speranza in mezzo alle tenebre indicibile. Essi giustamente lo veneravano come loro santo dall’inizio. Mi sono ispirato incredibilmente dai suoi scritti nel suo diario e lettere pastorali. Sono diventato un discepolo. A Washington, come in El Salvador, alcuni adottarono (e direi hanno pervertito) il messaggio di Mons Romero alla propria ideologia politica (e teologia). Io vedo Mons Romero sempre e totalmente, come un uomo di Dio, un uomo di Chiesa, che coraggiosamente incarna il vangelo di Gesù Cristo, nonostante l’opposizione feroce sia da sinistra e destra. Ho voluto seguire il suo esempio. Ho ancora voglio di seguire il suo esempio. Quando fui sorprendentemente chiamato al ministero episcopale, non vi era alcun dubbio che avrei scelto il motto di Mons Romero: “Sentire con la Chiesa”. Per me, questo motto ha due aspetti, che riflettono in qualche modo il genio evangelico di Mons Romero. Il primo aspetto a quanto mi risulta è che noi, come cristiani, siamo chiamati ad essere fedeli al Signore, seguendo l’insegnamento dei pastori che egli ha chiamato a prendersi cura del suo gregge. Il secondo aspetto è che i pastori possano meglio guidare e servire se conoscono il loro popolo bene e sono uno con loro. Mons Romero sapeva cosa era di avere ‘l’odore della pecora’ molto tempo prima che Papa Francesco articolato questa intuizione così bene.

D.        Cosa spera di ottenere partecipando alla beatificazione?

R.        Questa beatificazione ci mostrano chiaramente un capitolo del vangelo che ha preso vita nella vita stimolante, il ministero e il martirio di Mons Romero. Il mondo ora come in ogni epoca ha bisogno della luce del Vangelo per dare speranza e voce agli esclusi e gli emarginati e di dire la verità al potere che reprime e sfrutta. Mons Romero, un santo sacerdote, un pastore compassionevole, un testimone coraggioso è un innegabile segno che Dio ascolta ancora il grido dei poveri e non è lontano dal suo popolo. Fin da quando Super Martyrio e altri fonti hanno cominciato galleggiare la notizia di una possibile beatificazione, per cui avevo pregato per molto tempo, ho sentito la chiamata nel mio cuore a partecipare. Vorrei essere presente per aggiungere il mio piccolo ‘amen’ alla grande ‘Amen’ della Chiesa alla testimonianza di questo santo uomo di Dio e del popolo.

 

Forse il Vescovo Don troverà un po’ di Romero tra i salvadoregni che incontrerà; e, a sua volta, I salvadoregni vedranno un po ‘di Romero nel Vescovo Don.


Vedi anche


10 motivi per andare.




Visitate il vescovo Don su Facebook http://www.facebook.com/bishop.donald.lippert
Il suo Blog http://www.bishopdon.blogspot.com.au
Twitter: @BishopMendi
Post a Comment