Tuesday, January 13, 2015

I cambiavalute gioco di Romero




Secondo le norme internazionali di calcio, una squadra è consentito fare solo tre sostituzioni durante una partita.  Di conseguenza, l'allenatore che vuole estrarre un uomo del campo ed inviare un nuovo giocatore deve considerare attentamente le conseguenze.  Dipendendo di quale giocatore è ritirato e quale giocatore è inserito, le sostituzioni possono diventare cambiavalute gioco.  Lo stesso vale in un processo di canonizzazione. Nel processo di monsignor Oscar Romero di El Salvador, i seguenti tre sostituzioni hanno preparato il terreno per garantire che un gruppo di nove teologi potevano certificare la scorsa settimana che Romero è un martire, come definito dalla Chiesa.

  • Carlos Mauricio Funes Cartagena prestato giuramento come presidente di El Salvador, 1 giugno, 2009.

Mauricio Funes è stato per il riconoscimento ufficiale di monsignor Romero in El Salvador proprio come Costantino era per l'accettazione del cristianesimo a Roma. Come l'imperatore romano, Funes è stato collegato a Mons. Romero sia per convenienza politica o per quello che sembra fede genuina. Funes ha riconosciuto che Romero aveva raggiunto un ampio livello di fama internazionale, ma non era mai stato sfruttato da nessun governo salvadoregno. D'altra parte, Funes e la sua moglie sembrano essere devoti autentici Romero, credendo sua intercessione ha permesso loro di concepire un bambino dopo aver sperimentato problemi di fertilità. Qualunque sia la sua motivazione, la apparizione di Funes sulla scena è stato decisiva per la causa Romero. Prima del arrivo di Funes, l'ostacolo principale per la beatificazione di Romero era la percezione che l'estrema sinistra aveva fatto di Romero, nelle parole di Papa Benedetto XVI, “come bandiera, come figura emblematica”, mentre i circoli ufficialie e la destra erano decisamente fredde per la sua causare. Funes è salito al potere in coalizione con il FMLN di sinistra, ma non era un ex guerrigliero né un membro del partito. Invece, Funes era un centrista, che aveva diversi scontri con il partito durante il suo mandato.

Funes ha iniziato la sua amministrazione affermando che Romero sarebbe la sua guida spirituale, e ha presentato Romero come riferimento morale nazionale per El Salvador. Funes ha ammesso il ruolo dello Stato per il assassinio di Romero e ha pubblicato delle scuse ufficiali. Funes ha portato una serie di tributi alto profilo, diventando il primo presidente salvadoregno a partecipare in commemorazioni di Romero, e ha dinominato diversi progetti di infrastrutture per Romero, tra cui l'aeroporto di El Salvador e una nuova arteria autostradale. Da un lato, le azioni di Funes rivoluzionato la posizione dell'ufficialità vis-à-vis Romero, rendendo Romero tanto prominente nella visione che i salvadoregni hanno di se stessi come lo era stato nella visione che i outsider hanno di El Salvador. Questo ha rappresentato uno spostamento tettonico, che addolcito molte delle divisioni nella società salvadoregna su Romero, e ha assicurato il vescovo martire non è più un tabù. D'altra parte, perché Funes era un centrista, e per la sua devozione altamente personalizzata per Romero, il suo intervento non è stato visto come ulteriore utilizzo di Romero per l'estrema sinistra, ma piuttosto una nazionalizzazione della sua figura che ha contribuito a dissipare la polarizzazione che aveva portato alla stagnazione della causa.

  • Gerhard Ludwig Müller nominato Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, 2 luglio, 2012.

All'arrivo presso il CDF, Cardinale Müller scoprì che la congregazione aveva la custodia del file Romero, in attesa di un parere sulle varie domande riguardanti l'ortodossia di Romero. Müller era un ammiratore di Romero, che ha avuto, prima della sua nomina, chiamato Romero “veramente la voce di chi non ha voce, e, quindi, un avvocato dei poveri e un esempio per ogni vescovo come difensore e padre dei 'poveri, senza tetto e bisognosi di tutto',” e aveva anche frequentato la commemorazione del anniversario di monsignor Romero in San Salvador. Piuttosto che continuare a immagazzinare i documenti, Müller ha aperto i file e li legge. “Ho letto 6 tomi riguardanti Oscar Romero”, Müller ha detto in un'intervista, “e alla fine la Congregazione per la dottrina della fede [sotto Müller] ha dato il suo nihil obstat».” [VIDEO: card. Müller commenta la causa nel 2013.]

Un anno dopo la sua nomina, Müller ha dichiarato: “Considero Oscar Arnulfo Romero un grande testimone della fede e della sete per la giustizia sociale”. Ha fatto questo giudizio con l'Autorità di un uomo che aveva esaminato il file: “La sua testimonianza si esprimeva anche nelle omelie in cui parlava della tragica condizione vissuta in quegli anni dal suo popolo”, ha detto il prefetto, che ha anche sottolineato il radicamento della dottrina della giustizia sociale cattolica sui documenti del Concilio Vaticano II. “Il vescovo Romero, in ogni suo intervento, non ripeteva che questo”. L'iniziativa del cardinale Müller gli ha permesso di rilasciare il file di Romero dal carcere del CDF. Müller fece in modo che la luce verde è stato dato “già con Benedetto XVI”, il che significa che è accaduto essenzialmente di un mezzo anno del arrivo di Müller al CDF. Intraprendenza di Müller ha portato alla causa di essere sbloccata da Benedetto. Anche se le dimissioni di Benedetto diventa necessaria l'approvazione di un nuovo papa, grazie agli sforzi del cardinale Müller, il pontefice in arrivo avrebbe trovato che il lavoro preparatorio era stata completata per la causa per avanzare.

  • Jorge Mario Bergoglio (Papa Francesco) eletto al papato, 13 marzo 2013.

Secondo l’arcivescovo di San Salvador Mons José Luis Escobar, gran parte del merito per il progresso nella beatificazione di Romero dovrebbe andare a Papa Francesco, “perché dopo Dio stesso, è stato il driver principale di questa causa”. Suono esagerato? L'anno scorso, il Vescovo ausiliare di San Salvador ha scherzato che “il Papa è più motivato di noi”. Mons Gregorio Rosa Chavez ha spiegato che Francesco aveva emesso “ordini in Vaticano affinché tutti collaborino perché il processo si velocizzi”. Un altro chierico salvadoregno, mons. Jesus Delgado, elaborato che Francesco aveva “ordinato che tutto ciò che abbia a che fare con Monsignor Romero, in qualunque congregazione, passi alla Congregazione dei Santi”. Come risultato dell'intervento del Papa, “La documentazione che mancava è già nelle mani della Congregazione dei Santi”, ha detto.  Più di recente, Francesco sembrava sollecitare pubblicamente i postulatori delle cause di procedere con più rapidità..

In materia di canonizzazione, interesse papale può essere decisivo. Come Fr. Daniel Ols, il relatore della causa di Romero ha detto John Allen, “Se il Santo Padre vuole cose accelerare, si accelerano”. Allen elencato il favore papale come uno dei cinque fattori necessari per mettere una canonizzazione in “fast track” e Francis è legato col Romero su almeno tre livelli. In primo luogo, Francesco era personalmente convinto della santità di Romero: “quando era il cardinale Jorge Mario Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires, è riportato che ha detto che già considerato arcivescovo Romero ad essere un santo”. In secondo luogo, la sollecitudine di Romero per i poveri risuona con dichiarazione di Francesco che vorrebbe avere “una chiesa povera, per i poveri”. Terzo, Romero, il più visibile martire dell'America Latina, sembra un santo patrono adatto per il primo pontificato mai latinoamericano.

Così, nel processo di canonizzazione di monsignor Romero, Mauricio Funes, il cardinale Müller, e Papa Francesco sono tre sostituzioni che si sono rivelate cambiavalute gioco.
Post a Comment