Thursday, January 08, 2015

Teologi Vaticane riconoscono Romero è martire





L’arcivescovo salvadoregno Oscar Arnulfo Romero è stato assassinato «in odio alla fede». Ne dà notizia in anteprima l’edizione di «Avvenire» di venerdì 9 gennaio 2015. I membri del Congresso dei teologi presso la Congregazione delle cause dei santi hanno espresso il loro voto unanimemente positivo sul martirio subìto dall’arcivescovo di San Salvador il 24 marzo 1980. Si tratta di un passo decisivo per il vescovo latinoamericano ucciso mentre celebrava l’Eucaristia e che già il popolo acclama come santo. Ora, secondo la prassi canonica, per la beatificazione non resta che il giudizio del Congresso dei vescovi e dei cardinali e infine l’approvazione del Papa. La causa, iniziata nel marzo 1994 e della quale l’anno seguente si concluse la fase diocesana, era approdata a Roma nel 1997, promossa dal postulatore monsignor Vincenzo Paglia. Papa Francesco ha citato Romero proprio durante l’ultima udienza generale: l’arcivescovo di San Salvador, ha ricordato Bergoglio, «diceva che le mamme vivono un “martirio materno”.
L'analisi iniziale

Prima di tutto, l'importazione del voto dei teologi è che permette alla Chiesa di designare monsignor Romero come "Beato." Questo è il primo passo nel processo di due passi; nella seconda fase, Romero può essere definito un "Santo." Il primo passo è chiamato beatificazione; il secondo passo è la canonizzazione. Perché Romero è stato proposto per la santità come un martire, il decreto che certifica la validità del martirio è tutto ciò che serve per la sua beatificazione. Qualcuno che non è un martire (come Madre Teresa o San Giovanni Paolo II) richiedono la certificazione di un miracolo per essere beatificato; ma non Romero. 
Tutti i candidati alla santità, includendo martiri come Romero, richiedono un miracolo per la seconda fase (canonizzazione), a meno che la dispensa venga concessa dal Papa.

Come indica la nota, dopo il voto dei teologi, ci sono ancora alcune formalità da espletare per la beatificazione, ma, per non sbagliare, convincere i teologi è il più grande ostacolo. Se dovessimo pensare ad una metafora laica di spiegare il processo e il significato del voto dei teologi, potremmo pensare ad esso come simile al processo di giuria in base al diritto statunitense. Se la giuria trova in tuo favore, questo è un passo importante. Si può ancora bisogno di avere quel verdetto certificato dal cancelliere, e che il giudice emetterà la sentenza, ma il "lavoro pesante" è fatto.

E 'anche significativo che la relazione afferma che il giudizio dei nove teologi è stata unanime. Questo suggerisce che non vi è necessariamente una sconnessione drammatica tra chi è dentro della Chiesa e il mondo esterno, in cui Romero è stato molto ampiamente accettato. Si presta credito alla teoria (sposata qui) che l'esitazione a beatificare Romero aveva a che fare con le "preoccupazioni prudenziali" (in parole di Papa Francesco) piuttosto che con i meriti del caso. Il voto unanime dei nove teologi anche rendere molto difficile per tutti gli scettici rimanenti (di cui ci sono alcuni) per sostenere che Romero non è degno della santità.

Il mese scorso, questo blog ha previsto che il decreto di beatificazione di Romero potrebbe venire nei tempi febbraio-marzo e questo sviluppo è in linea con questo scenario.  I cardinali si riuniscono il 3 febbraio, quando saranno considerando il martirio dei tre chierici uccisi da guerriglieri "Sendero Luminoso" in Perù - cause che sollevano questioni simili a Romero. Pertanto, potrebbe essere logico per i cardinali prendere in considerazione Romero nella stessa riunione. Se Romero è stato approvato in questo momento,  Papa Francesco sarà in grado di presentare il decreto di Romero al Concistoro ordinario di cardinali ora fissato per il 14 febbraio. Questo sarebbe particolarmente utile se essiste un serio pensiero di saltare beatificazione e andare dritto alla canonizzazione di Romero in El Salvador.

Aggiornamento-Reazioni


FINALE (Domenica 11 gennaio): L'arcidiocesi di San Salvador ha rotto il suo silenzio durante la consueta conferenza stampa del Arcivescovile dopo Domenica la Messa. Mons José Luis Escobar ha confermato le notizie da Roma e ha detto che la Chiesa era grata, e ha sostenuto il piano del presidente Sánchez Cerén di invitare tutti i presidenti dell'America Latina per la cerimonia di beatificazione. L'arcivescovo ha riconosciuto che "alcuni pensano" saltare la beatificazione e procedere a canonizzare Romero come un'opzione.  "Se Dio voleva che fosse canonizzato in una sola mossa, sarebbe molto meglio", ha aggiunto. Escobar ha detto che la conferenza episcopale salvadoregna chiede ai sacerdoti di includere la preghiera per la beatificazione di Romero dopo ogni messa. Escobar ha anche ringraziato Papa Francesco, "perché dopo Dio stesso, è stato il driver principale di questa causa".

RAPPORTI ANTERIORI:

Perché il voto dei teologi deve ancora essere confermato, né il Vaticano, né la Chiesa salvadoregna hanno rilasciato una dichiarazione formale di Venerdì, Gennaio 9. Infatti, p. Federico Lombardi, il portavoce ufficiale del Vaticano, ha rifiutato di confermare o negare la notizie.  Lombardi ha osservato che Papa Francesco citato Romero all'udienza generale di questa settimana "che significa che segue la causa con attenzione e interesse."

In El Salvador, il presidente Salvador Sánchez Cerén ha promesso che, se il Vaticano dichiara Romero un santo e la cerimonia si svolge nel paese, che inviterà ogni capo di stato dell'emisfero a venire condividere la gioia del suo paese. Il ministro degli Esteri Hugo Martinez ha espresso il "tripudio" del governo salvadoregno alla notizia.


Tuttavia, le reazioni sono state abbondanti in ambito social media.

Il postulatore della causa di Romero, l'arcivescovo Vincenzo Paglia, ha postato la sua reazione sul suo account Twitter. "Grazie al Signore!," disse il suo tweet. "L'arcivescovo Romero amava Gesù, il Vangelo, la Chiesa e il suo popolo. Ha dato la sua vita per tutti e quattro!"

A San Salvador, l'uomo che era stato il postulatore della causa di Romero durante la fase diocesana (vedi tabella qui sotto per riferimento) ha stato più riservato. Mons. Rafael Urrutia ricorda in Twitter che il voto dei teologi deve ancora essere confermato da una commissione di cardinali e vescovi, e poi approvata dal Papa. "Ma questa è una grande notizia che rallegra il cuore, la Chiesa, e coloro che amano Mons. Romero", ha detto la sua dichiarazione.

La Fondazione Romero in El Salvador ha postato sul suo account di Facebook, "Ci auguriamo che la notizia ufficiale arriverà presto!"


Nel frattempo, anche in El Salvador, la stampa locale ha riferito che il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, che sarà in El Salvador per commemorare l'anniversario degli accordi di pace che hanno messo fine alla guerra civile 1980-1992 in quel paese, visiterà la tomba di monsignor Romero la prossima settimana.

Duane W.H. Arnold, autore e collaboratore di un gruppo musicale che ha pubblicato una canzone popolare su Romero, ha detto Super Martyrio che la notizia è stata una rivincita per “coloro che vedono la giustizia come integrale al messaggio del Vangelo” perché “indica che la posizione di Romero contro la repressione del popolo salvadoregno è stato di per sé un imperativo evangelico, oltre che un dovere pastorale”.

Post a Comment